Home Senza categoria “L’ordine delle cose” di Andrea Segre in programmazione in 30 sale in...

“L’ordine delle cose” di Andrea Segre in programmazione in 30 sale in Italia nella quinta settimana dall’uscita

CONDIVIDI

A 5 settimane dall’uscita il pubblico continua sostenere il film di Andrea Segre L’ORDINE DELLE COSE. Dopo circa un mese infatti è 30 il numero delle sale in cui il film è in programma, tra cui 3 cinema di Roma e 3 di Firenze. Il film arriverà poi in nuove città tra cui Venezia, Campobasso, Varese, Potenza, Castello Atesino, Cattolica, Gioia Del Colle, Monfalcone, Montaione Scipione, Montelupo, Reggello, S. Arcangelo, Viareggio e Volano.

L’ordine delle cose, con Paolo Pierobon, Giuseppe Battiston, Valentina Carnelutti, Olivier Rabourdin, Fabrizio Ferracane, Yusra Warsama, Roberto Citran, racconta uno degli eventi storici più importanti dell’attualità: gli accordi tra Italia e Libia per controllare i flussi migratori nel Mediterraneo. Nel film, il protagonista (Corrado) è un alto funzionario del Ministero degli Interni italiano specializzato in missioni internazionali contro l’immigrazione irregolare, messo a capo dal Governo italiano, di una missione molto complessa: la Libia post-Gheddafi è attraversata da profonde tensioni interne, far coincidere la realtà libica con gli interessi italiani ed europei sembra impossibile. Insieme con colleghi italiani e francesi si muove tra le stanze del potere, i porti e i centri di detenzione per migranti. La pressione che subisce è estrema, ma lo diventa ancor di più quando infrange una delle principali regole di autodifesa per chi lavora in quel campo: mai conoscere nessun migrante, considerarli solo numeri. Corrado, invece, incontra Swada, una donna somala che sta cercando di scappare dalla detenzione libica e di attraversare il mare per raggiungere il marito in Europa. Come tenere insieme la legge di Stato e l’istinto umano di aiutare qualcuno in difficoltà? Corrado prova a cercare una risposta nella sua vita privata, ma la sua crisi diventa sempre più intensa e si insinua pericolosa nell’ordine delle cose.
L’uscita del film nelle sale è accompagnata dalla pubblicazione del pamphlet di 16 pagine dal titolo Per cambiare l’Ordine delle Cose, con interventi di Igiaba Scego, Ilvo Diamanti, Luigi Manconi, Andrea Baranes e Pietro Massarotto. Una riflessione sui fenomeni migratori che vuole proporre un cambio di punto di vista su quanto sta accadendo lungo i confini d’Europa.

L’Ordine delle cose è prodotto da Jolefilm con Rai Cinema, è coprodotto da Mact Productions e da Sophie Dulac Productions ed è distribuito da Parthénos Distribuzione.

È film riconosciuto di interesse culturale con contributo economico del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo – Direzione generale cinema. È realizzato con il sostegno della Regione del Veneto, della Regione Lazio, della Regione Siciliana e della Sicilia Film Commission, con la collaborazione di Banca Popolare Etica. Con il patrocinio di Amnesty International, NAGA onlus, Medici per i Diritti Umani e con la partecipazione di ZaLab e Medici Senza Frontiere.

La lista completa delle sale cinematografiche della 5 settimana di programmazione:

Lombardia (Milano/Anteo, Mantova/Mignon, Varese/Filmstudio)
Puglia (Gioia Del Colle/Seven)
Basilicata (Potenza/ Don Bosco)
Veneto (Venezia Rossini, Vicenza Primavera, Verona/Pindemonte, Padova/Astra)
Friuli Venezia Giulia (Monfalcone/Kinemax)
Trentino Alto Adige (Volano/Cinema Oratori, Castello Tesino/Nuovo)
Campania (Napoli /Centro Sociale Je So Pazzo)
Molise (Campobasso/Alphaville)
Pimonte (Torino/Esedra-Teatro Agnelli)
Liguria (Genova/Nickelodeon)
Lazio (Roma/Mignon-Madison -Apollo)
Emilia Romagna (Bologna/Lumiere, Cattolica/Snaporaz , S. Arcangelo/Supercinema)
Toscana (Firenze/Cinecittà-Spazio Alfieri-Spazio Uno, Montaione Scipione/Ammirato,
Montelupo/Mignon, Reggello/Excelsior, Viareggio/Centrale)