Home Cinema Ambra Angiolini, il momento più difficile: la malattia sconfitta con l’amore

Ambra Angiolini, il momento più difficile: la malattia sconfitta con l’amore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:37

Ambra Angiolini è un personaggio noto della tv italiana e del cinema: ecco come ha superato un momento difficile, che ormai appartiene al passato

Ambra Angiolini
Ambra Angiolini (Youtube)

Uno dei nomi più conosciuti e noti del mondo dello spettacolo e del cinema è sicuramente Ambra Angiolini attrice, conduttrice televisiva, radiofonica e scrittrice di successo. Nel corso della sua incredibile carriera si è fatta notare fin da giovanissima, grazie alla trasmissione televisiva Non è la RAI che le ha letteralmente aperto le porte del mondo dello spettacolo. Da lì una serie di programmi televisivi a cui ha preso parte, per poi invece cimentarsi in un ambito completamente diverso, avviando una carriera notevole anche in qualità di attrice. Nel suo passato non sono mancati momenti di difficoltà, raccontando di aver vissuto un periodo davvero duro, in cui ha sofferto di una malattia che è riuscita a sconfiggere solamente grazie all’amore.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Ambra Angiolini, il post spiazza i fan: è una frecciatina?

Ambra Angiolini, i suoi esordi in televisione

Ambra Angiolini nasce nell’aprile del 1977 a Roma, e precisamente cresce nel quartiere Palmarola. È la terza figlia della coppia Alfredo e Doriana Comini, venuta al mondo dopo i fratelli Barbara e Andrea. Per quanto riguarda gli studi di Ambra, sappiamo che ha frequentato le elementari all’interno di un istituto portato avanti da suore e facendo da subito intravedere un grandissimo potenziale soprattutto nella danza. Fu proprio da giovanissima che una sua insegnante di danza le segnalò la possibilità di un casting per Fininvest, poiché stavano cercando delle ragazze spigliate, che sapessero ballare bene.

L’esordio televisivo avviene nel 1990 su Rai 1 per lo spettacolo Fantastico, in cui appare però soltanto come figurante. Nel ’92 poi invece partecipa alla trasmissione Bulli e Pupe che aveva alla regia Gianni Boncompagni, che proprio in quella occasione la notò e la volle poi successivamente a Non è la Rai. Fu infatti nello stesso anno che iniziò la sua avventura in questo programma, che le portò una straordinaria visibilità.

Il dopo Non è la Rai e il debutto al cinema

Dopo il successo di Non è la Rai Ambra ha avuto altre proposte televisive, tra cui il programma Generazione X, la conduzione del Dopofestival di Sanremo insieme a Pippo Baudo o il Festivalbar del 1996. Il debutto al cinema invece lo ha avuto nel 2006, quando iniziato con le riprese del film di Ferzan Ozpetek dal titolo Saturno contro. Una prima prova attoriale andata benissimo e che le ha dato la possibilità di far vedere il suo talento anche in qualità di attrice. Da quel momento sono tantissime le opere a cui ha preso parte tra cui ad esempio Immaturi, Anche se amore non si vede, Ti ricordi di me?

Ambra Angiolini, la sua storia con Renga

Per quanto riguarda la vita sentimentale di Ambra, non si può non citare la grande storia d’amore che ha avuto per diversi anni con il cantante Francesco Renga. I due infatti sono stati insieme dal 2004 fino al 2015 e hanno anche creato una famiglia mettendo al mondo due figli, Jolanda e Leonardo. Per Renga Ambra è stata anche spesso fonte di ispirazione per i suoi brani musicali, a cui ne ha dedicato uno nel 2014 dal titolo Il mio giorno più bello nel mondo, quando ancora stavano insieme. Un rapporto davvero profondo, che sembrava potesse durare nel tempo, ma che purtroppo si è esaurito col passare degli anni.

Spesso è stato chiesto alla donna i motivi che hanno spinto alla separazione da Renga. Nessuno si sarebbe mai aspettato infatti che tra di loro la storia sarebbe finita, eppure hanno sorpreso tutti con la loro decisione. Questa scelta è stata fatta, come spiegato in un’intervista a Gioia, per cercare di non rovinare il rapporto che c’era ancora tra di loro. La storia ormai era finita e c’era la necessità forte di prendere una decisione.

Una scelta per amore dei figli

La coppia aveva evidenti problemi, e ha deciso che non era più il caso di litigare e continuare a farsi del male, ma di rispettarsi e volersi bene per il bene anche dei propri figli. Pare infatti che oltretutto siano rimasti anche vicini e vivono infatti a distanza di una rampa di scale, in modo tale che i propri figli possono essere liberi di stare con chi vogliono in qualsiasi momento. Una separazione dunque che pare sia stata consensuale i due sono anche riuscita a rifarsi una vita. Renga infatti già da qualche tempo è fidanzato felicemente con la sua compagna di Diana Poloni, mentre la Ambra Angiolini ha una storia importante con l’allenatore di calcio Massimiliano Allegri.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Lacrime per Ambra Angiolini: l’addio più sofferto

Aria di crisi con Massimiliano Allegri? La verità

È stato nel 2017 che l’attrice si è fidanzata con l’allenatore Massimiliano Allegri. I due secondo quanto riportato da Il Corriere della Sera, si sono conosciuti a Torino dove lei si trovava a girare sul set del film La verità, vi spiego, sull’amore che è stato diretto da Max Croci. L’incontro sarebbe avvenuto in seguito alla presentazione di alcuni amici comuni che frequentano entrambi e che tra loro sia scattata subito una scintilla. Un amore che è rimasto forte nel tempo, anche se recentemente si sono fatte strada sempre più spesso notizie che volevano una crisi di coppia.

C’è chi giurava che si fossero lasciati, chi parlava di tradimento, ma a sorpresa di tutti recentemente a fine giugno i due sono stati paparazzati insieme in vacanza sulla Costiera amalfitana. Dovrebbe dunque essere smentita a questo punto la notizia di una loro crisi, che potrebbe essere del tutto stata scongiurata.

Un’ombra nel passato, la bulimia

Purtroppo nel passato della Angiolini ha vissuto un momento davvero molto difficile, raccontato durante alcune interviste. A quanto pare infatti Ambra ha sofferto per anni di una malattia, la bulimia, di cui ha voluto parlare anche all’interno del suo libro dal titolo InFame. Si tratta di un male contro cui ha lottato fin da ragazzina, proprio negli anni in cui ha iniziato ad avere un grandissimo successo televisivo, tra i 15 e i 16 anni. Ambra infatti ha raccontato del desiderio di farsi del male e il modo in cui mangiava per poi vomitare tutto era il suo desiderio di sfogare la propria incapacità di riuscire a chiedere aiuto.

Una malattia che si è portata avanti negli anni, e di cui pare sia riuscita a guarire grazie all’amore.  Come ha spiegato la stessa Angiolini infatti ad un certo punto nella sua vita è arrivato il dono più bello, la propria figlia Jolanda. Quella gravidanza è riuscita a farle scattare dentro qualcosa, dandole un senso di totale benessere. Come riportato anche da Vanity Fair,  la donna ha spiegato che la la gravidanza ha fatto in modo che “la mia pancia diventasse improvvisamente il posto più accogliente sulla terra”. Un piccolo miracolo che ha messo al mondo e che le ha letteralmente salvato la vita.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ambra Angiolini (@ambraofficial)

Non è la Rai: Ambra era davvero ‘radiocomandata’ da Boncompagni?

Come abbiamo già specificato sicuramente una delle pagine più importanti della carriera di Ambra Angiolini è stata la sua partecipazione al programma Non è la Rai. Nella prima stagione a quanto pare le era stata affidata da Boncompagni soltanto una parte dello show, cioè quella della conduzione del Gioco dello zainetto. È stato proprio grazie al suo modo di fare che riuscì a farsi notare, grazie soprattutto al suo essere spigliata. È stato però nella terza edizione del programma nel 1993 che a quanto pare le venne affidata l’intera conduzione del programma. Ha sempre fatto discutere però un particolare dettaglio, quell’auricolare che pare la radiocomandasse in tutto.

In particolare si diffuse la voce che tramite auricolare il regista Gianni Boncompagni le suggerisse ogni battuta, notizia smentita in diverse occasioni. Come riportato da Fanpage, Boncompagni addirittura disse che suggeriva nulla e anzi le diceva varie cose terribili e lei stava al gioco cercando di far finta di nulla. Tale versione dei fatti però fu smentita totalmente da Piero Chiambretti, che durante una sua trasmissione decise di intercettare Boncompagni e la Angiolini e la scoperta fu sorprendente.

La scoperta di Piero Chiambretti

Dall’intercettazioni svolte da Piero Chiambretti, si è potuto sentire chiaramente che in effetti Boncompagni guidava nella conduzione Ambra suggerendole molte battute. Una conduzione dunque a distanza, che sicuramente fece molto parlare, ma che allo stesso tempo ha sicuramente anche aumentato probabilmente di molto la grande fama nella Angiolini. Un rapporto importante è stato per lei dunque quello con Boncompagni, che ha creduto in lei e a cui ha dedicato parole toccanti quando l’uomo è venuto a mancare nell’aprile del 2017.