Home Cinema Gianmarco Tognazzi, la confessione: “Mi ha salvato la vita”

Gianmarco Tognazzi, la confessione: “Mi ha salvato la vita”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:41
CONDIVIDI

Gianmarco Tognazzi ha fatto una confessione privata sulla sua vita personale. Scopriamo insieme cosa ha rivelato il noto attore.

Gianmarco Tognazzi (GettyImages)
G. Tognazzi (GettyImages)

Gianmarco Tognazzi questo pomeriggio sarà presente nel film “I 2 soliti idioti“, in onda alle 19.10 su Cine34. La pellicola è diretta da Enrico Lando e vede nel cast volti noti del cinema italiano, tra i quali: Francesco Mandelli, Fabrizio Biggio, Teo Teocoli e Miriam Giovanelli. La commedia è il sequel de “I soliti idioti“, di sicuro le risate non mancheranno. Ma addentriamoci in quell’importante confessione che ha rilasciato l’attore.

LEGGI ANCHE —> Valeria Pintore moglie di Gianmarco Tognazzi: “Cosa ho fatto per lui”

Gianmarco Tognazzi, la persona che gli ha stravolto la vita

Gianmarco Tognazzi

Tognazzi ai microfoni di Vieni da me ha raccontato un evento molto delicato della sua vita. L’attore ha dichiarato di essere un grande amico di Enzo Jannacci e che proprio quest’ultimo gli ha salvato la vita. Infatti durante un Natale l’attore ebbe una strana crisi, il collo gli si stava gonfiando esponenzialmente, fortunatamente la puntura di Enzo gli salvò la vita. Gianmarco aveva appena 4 anni quando è stato colto dal brutto malore. L’attore ha sempre avuto come riferimento musicale il grande amico, Jannacci.

LEGGI ANCHE —> Gianmarco Tognazzi, aneddoto piccante sul padre: il retroscena

Oggi Tognazzi è felicemente sposato con Valeria Pintore, conosciuta durante il tour di Sergio Cammariere, la coppia ha due figli. Infine un ricordo al celebre padre era d’obbligo. Gianmarco ha così parlato del padre Ugo Tognazzi e della sua grande dote: quella di essere sempre stato un eterno bambino. A detta dell’attore Ugo è stato un papà atipico ma anche molto affettuoso. Ma un particolare della sua adolescenza è davvero curioso. Gianmarco ha confessato come era inutile chiamarlo papà, poiché era abituato ad essere chiamato da tutti “Ugo”, se lo chiamavi “papà” c’era il silenzio.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Gian Marco Tognazzi (@gimbotognazzi)