Home Personaggi Claudio Santamaria, il suo periodo buio nel film: tra depressione e psicofarmaci

Claudio Santamaria, il suo periodo buio nel film: tra depressione e psicofarmaci

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:10
CONDIVIDI

Claudio Santamaria ha raccontato quel periodo buio a contatto con la depressione e gli psicofarmaci. Ma di cosa stiamo parlando?

Claudio Santamaria

Claudio Santamaria questo pomeriggio sarà protagonista nel film “Baciami ancora“, in onda su Cine 34, diretto da Gabriele Muccino. Nella pellicola vediamo numerosi volti noti del cinema, tra i quali: Claudio Santamaria, Pierfrancesco Favino, Stefano Accorsi, Vittoria Puccini, Sabrina Impacciatore. Ma addentriamoci nel personaggio interpretato da Santamaria. Una vita davvero dolorosa. Scopriamola.

LEGGI ANCHE —> Claudio Santamaria, quel dolore straziante che non lo abbandonerà mai

Claudio Santamaria, “Baciami Ancora”: la trama

Siamo a Roma. Anni dopo “L’ultimo bacio”, assistiamo ai cambiamenti dei protagonista. Carlo e Giulia stanno per concludere il loro divorzio; lei, convive da tre anni con Simone, mentre Carlo ha una relazione con la venticinquenne Anna. Paolo, interpretato da Santamaria, è depresso e dipendente dagli psicofarmaci, ha iniziato una relazione con Livia, la moglie di Adriano. Poi c’è Marco, che se in apparenza appare felicemente sposato con Veronica, sotto si cela una profonda crisi. Poi Alberto cova da sempre la voglia di evadere dalla routine che li sta schiacciando tutti. La situazione è destinata a degenerare per tutti. Paolo, finalmente si libererà dell’odiato negozio di immagini sacre. Ma purtroppo la sua condizione di salute non migliorerà.

LEGGI ANCHE —> Claudio Santamaria, la confessione inattesa: “Ho ricevuto minacce”

Infatti Livia vorrebbe essere felice con Paolo ma ha paura dei suoi continui cambi d’umore e della sua dipendenza dai farmaci, tanto da non permettergli mai di dormire da lei. Paolo caduto in una profonda crisi giocherà alla roulette russa del padre sino a quando… Questo pomeriggio potrete addentrarvi nella vita dei protagonisti dell’opera e seguire con loro il flusso della loro esistenza.