Home News Buffon è morto, il Covid distrugge una vita: nessuno ha capito

Buffon è morto, il Covid distrugge una vita: nessuno ha capito

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:11
CONDIVIDI

Una voce su Buffon ha fatto preoccupare e non poco il mondo del web e della rete. Ma ecco che cosa è successo nei minimi dettagli.

gianluigi buffon

Una voce che ha iniziato a circolare da circa qualche ora sul mondo del web ha sconvolto e non poco i tifosi della Juventus, gli appassionati di calcio, ma non solo. Infatti la notizia della morte di Buffon ha fatto pensare che si trattasse del portiere della Juventus, campione del mondo in quel di Berlino nel 2006. Ma si tratta in realtà soltanto di un semplice caso di omonimia.

LEGGI ANCHE >>> Alena Seredova e Ilaria D’Amiico, ecco che rapporto ci sta tra le due donne di Buffon

Buffon, il web si allarma: ma ecco tutta la verità

cinema in lutto
Lutto (Fonte: Pixabay)

Infatti a essere scomparso, causa Covid, è stato Francesco Buffon. L’uomo era un vero e proprio simbolo per il paese di Cison di Valmarino. La sua scomparsa è stato un qualcosa di a dir poco improvviso ed è arrivata per lui a soli 59 anni. Un defunto che ha lasciato un vuoto enorme nell’intera comunità locale, visto che si sta di un personaggio entrato nel cuore di tutti i suoi compaesani. Il motivo? Giusto entrare nel dettaglio.

LEGGI ANCHE >>> Dramma a Storie Italiane: “Ho il Covid, sto malissimo”

Il povero Francesco aveva infatti fatto della passione per l’idraulica una delle sue grandi ragione di vita. Una passione che gli era valsa un soprannome davvero molto particolare e originale; Tuben. Le sue condizioni sono peggiorate anche a causa di alcune patologie pregresse. “Non c’era conduttura idrica o tubo che a Cison non abbia la sua firma. Francesco aveva una mente particolare, festosa e laboriosa. Grazie a lui è nata la tradizionale giornata delle Fontane magiche. Il riferimento è alla sua idea di far sgorgare il vino dalla fontana della Crosera. Un qualcosa che racchiudeva le sue due grandi passioni e ha lasciato un segno importante nel nostro paese“, questo il ricordo degli amici della Pro Loco.