Home Cinema Lutto nel mondo del cinema, morta a solo 56 anni dopo una...

Lutto nel mondo del cinema, morta a solo 56 anni dopo una lunga battaglia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:20
CONDIVIDI

Altra tragedia nel mondo del cinema, che è di nuovo in lutto. Muore a 56 anni, dopo una lunga battaglia, una nota regista.

cinema in lutto
Lutto (Fonte: Pixabay)

Ennesima grande tragedia nel mondo del cinema. Infatti è morta a 56 anni la regista Stacy Title. Un decesso che è avvenuto qualche giorno fa, più precisamente l’11 gennaio, e che è arrivato dopo una lunga battaglia con la Sla, che la donna ha combattuto con grande orgoglio. Dopo Anna Rose King, un’altra grandissima perdita, che non può non toccare i fan, sconvolti da queste due drammatiche notizie. Ma si sa qualcosa in più?

LEGGI ANCHE >>> Lutto nel mondo del cinema: morta icona degli spaghetti western

Cinema in lutto, morta una regista a soli 56 anni: la sua storia

Lutto calciatore inter
Lutto (Fonte: Pixabay)

La sua storia è davvero tutta da raccontare. Stacy ha scoperto di avere questa malattia nel 207. Un incidente avuto è stata la probabile causa scatenante. Suo marito Jonathan Penner gli è sempre stato accanto, impegnandosi e battendosi in prima persona per far capire tutte le difficoltà delle persone afflitte da questa tremenda malattia neurovegetativa. Ovviamente a comunicare la morte di sua moglie è stato lui stesso attraverso il suo profilo Twitter. Il loro ultimo lavoro insime è stato il film ‘Walking Time Bomb’.

LEGGI ANCHE >>> Lutto per i fan di Scuola Di Polizia: morta l’attrice protagonista del film cult

A unire la coppia è sempre stato l’amore e la passione per il genere horror. Infatti va detto e ricordato che Title era stata anche candidata all’Oscar col suo primo cortometraggio, intitolato ‘Down The Waterfront’. Molto noto però è uno dei suoi ultimi lavori, ossia ‘The Bye Bye Man’, uscito nel 2017. Insomma, una carriera molto importante la sua. La donna ha sempre dimostrato la sua grande voglia di lottare, continuando fino all’ultimo a onorare quello che era il suo mondo, ossia quello del cinema