Home Personaggi Luca Argentero e Cristina Marino confessano in diretta: “Siamo stanchi…”

Luca Argentero e Cristina Marino confessano in diretta: “Siamo stanchi…”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:00

Luca Argentero e Cristina Marino, la confessione a Verissimo: ” Siamo stanchi….nessuno ci chiede più come stiamo” che succede?

Luca Argentero Cristina Marino
L. Argentero e C. Marino

Luca Argentero e Cristina Marino sono apparsi a Verissimo e hanno fatto una confessione importante: la coppia ha lamentato una situazione che stanno attraversando ormai da mesi.

Il 20 maggio di quest’anno i due hanno avuto un bellissimo regalo dalla vita, ovvero la loro prima figlia, che hanno chiamato Nina Speranza in onore delle sue nonne.

La bambina è arrivata in un momento complicato, infatti Cristina ha passato tutta la gravidanza durante il lockdown e anche i primi mesi da neo genitori non sono stati facili. Tuttavia il lato positivo c’è: i due hanno potuto godersi appieno la loro piccola e hanno creato una grande intimità a causa della pausa dal lavoro.

LEGGI ANCHE -> Luca Argentero, lo scatto d’ira che ha sconvolto tutti

Luca Argentero e Cristina Marino confessano: “Siamo stanchi”

Luca Argentero Cristina Marino
L. Argentero e C. Marino(Fonte: Instagram)

Cosa c’è che non va, quindi, nella vita della coppia affiatatissima? Niente di grave, per fortuna, solo tanta stanchezza da neo-genitori, che è del tutto normale con una figlia molto piccola.

Sta per arrivare il primo Natale in casa loro e i due lamentano che le attenzioni di amici e famiglia sono concentrate tutte su Nina: “A noi non chiedono più neanche come stiamo…non gli interessa” ammettono Luca e Cristina.

LEGGI ANCHE -> Luca Argentero e Cristina Marino pronti a denunciare: il fatto è gravissimo

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Luca Argentero (@lucaargentero)

Argentero non vede l’ora di passare le feste con la sua famiglia e con Silvia Toffanin ha ricordato i suoi Natali passati, quando andava a sciare con tutta la sua famiglia, appena possibile. Più tradizionali, invece, le feste della compagna che le passava a Roma giocando a carte e mangiando fino all’alba.