Home Cinema Lanfranco Pace ex marito Giovanna Botteri, la passione per le carte

Lanfranco Pace ex marito Giovanna Botteri, la passione per le carte

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:51
CONDIVIDI

Lanfranco Pace è l’ex marito della celebre giornalista italiana Giovanna Botteri, giornalista e scrittore con un insolita passione.

Giovanna Botteri

Giovanna Botteri, questa sera ospite a Che Tempo che fa, è una delle più note giornaliste italiane, icona femminile del Paese per il coraggio e l’intraprendenza che la contraddistinguono. Ha ricevuto nella sua carriera anche incarichi estremi, che hanno costituto enormi esperienze anche a livello personali. Fra questi andare a Sarajevo sul fronte di guerra, insieme al collega Franco Di Mare.

Fra i densissimi impegni lavorativi, non c’è forse molto spazio per altro o altri nella vita della giornalista, ma è stata nota la sua relazione con l’ex marito Lanfranco Pace.

LEGGI ANCHE -> Lanfranco Pace dichiara di non avere più una vita

La passione di Lanfranco Pace, ex marito di Giovanna Botteri

Giovanna Botteri

La relazione fra Lanfranco Pace e Giovanna Botteri è durata molti anni e non è chiaro il motivo per cui sia finita. Sicuramente i due, colleghi oltre che amanti, hanno delle vite molto piene e non sempre è facile portare avanti una relazione fra una trasferta e l’altra.

Lanfranco Pece, oltre che giornalista, si diletta nella scrittura e ha pubblicato un libro nel 2007, “Nicolas Sarkozy: l’ultimo gollista”.

LEGGI ANCHE -> Che strada ha intrapreso Sarah Ginevra Paci, figlia di Giovanna Botteri?

I due hanno avuto una bellissima figlia, Sarah Ginevra Paci, che ora arrivata ai trent’anni è affermata nel mondo del lavoro, ma ha perseguito una carriera diversa dai genitori. La ragazza, infatti, è manager di un’importante azienda italiana.

Stando alle parole del padre, da lui avrebbe ereditato una passione, quella per le carte.

Lanfranco Pace è un giocatore di poker, una disciplina che ritiene molto importate:

“Il gioco delle carte è una cosa importante nella vita. È assolutamente formativo. Chi bara al gioco è malvisto. Chi bara nella società no. Le mie figlie giocano a carte. Sono delle appassionate di gin rummy”