Home Televisione Pauline Potter Vite al Limite e poi, è morta? Il suo destino

Pauline Potter Vite al Limite e poi, è morta? Il suo destino

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:23
CONDIVIDI

Pauline Potter Vite al limite e poi: la donna non ce l’ha fatta? Ecco qual è stato il suo destino, dopo le cure del dottor Nowzaradan.

pauline potter vite al limite oggi

Su Real Time questa sera si rinnova di nuovo l’appuntamento con ‘Vite al limite‘, quello che è senza alcun dubbio uno dei programmi più seguiti e amati della rete. I telespettatori infatti si appassionano alle storie dei pazienti obesi e con problemi di peso, che si affidano alle cure del dottor Nowzaradan per provare a tornare a condurre una vita quantomeno normale. Ma di chi si parlerà nella puntata odierna?

LEGGI ANCHE -> Benji Vite al limite e poi, è morto? Non è più lo stesso

Pauline Potter Vite al Limite e poi, quali sono le sue condizioni?

pauline potter vite al limite

Tutto ruoterà attorno a Pauline Potter, perché il suo è un caso davvero molto particolare e tutto da raccontare. La donna infatti è stata inserita nel Guiness World Record. Il motivo? Il fatto che è stato considerata la donna più pesante al mondo con le sue 700 libbre, che equivalgono a circa 371 kg. La nativa della California ha iniziato il suo percorso del programma in queste condizioni. Le difficoltà e gli ostacoli per lei sono stati davvero tanti.

LEGGI ANCHE -> Sean Milliken Vite al Limite, è morto? Una storia drammatica

La paziente non riesce a ottenere, quantomeno all’inizio, grandi risultati e a fare chissà quali progressi. Nonostante la paura e gli avvisi del dottor Nowzaradan, secondo cui, proseguendo su quella strada, avrebbe addirittura rischiato la vita, Pauline alla fine del suo percorso è riuscita a perdere solo 65 kg, riuscendo a raggiungere il peso di 265 kg. Ma quali sono le sue condizioni oggi? Le voci su un suo possibile decesso sono state fin da subito bollate come fake news. Le ultime sue immagini risalgono al 2017 e la donna appare visibilmente più magra, nonostante il suo percorso e la strada verso la normalità per lei sia ancora lunga.