Home Televisione Rita Dalla Chiesa risponde alle accuse pesanti: le sue parole

Rita Dalla Chiesa risponde alle accuse pesanti: le sue parole

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:22
CONDIVIDI

Rita Dalla Chiesa ha voluto rispondere alle tante accuse che le sono arrivate nelle ultime ore. Queste le parole della conduttrice.

Rita Dalla Chiesa e Carlotta Mantovan

Una frase e un’uscita sicuramente non molto felice, ma anche mal interpretata. Questo è ciò che è successo nelle ultime ore a Rita Dalla Chiesa, che si è trovata al centro di numerose e infinite polemiche. Il tutto è stato scatenato da un suo pensiero sull’estinzione del popolo cinese, reo di organizzare un festival della carne di cane, che è diventato virale in pochissimo tempo. L’indignazione è stata immediata ed è per questo che la donna è voluta intervenire per fare chiarezza una volta per tutte.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Elena Santarelli, l’affondo a Rita Dalla Chiesa stupisce tutti

Rita Della Chiesa si difende dalle accuse: le sue parole

Rita Dalla Chiesa

Mi fanno pena e rabbia le persone che,invece di attaccare me per quella che le persone intelligenti hanno percepito solo come una provocazione, si ostinano a ignorare quello che succede a Yulin per 10 giorni. Migliaia e migliaia di cani massacrati nei modi più atroci“, questo il tweet della presentatrice. Insomma, da fervente animalista qual è, la Dalla Chiesa non cambia idea, ma respinge al mittente gli insulti e le accuse di razzismo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Rita Dalla Chiesa, gesto scaramantico: cosa avrà voluto dire?

L’opinionista d’Italia sì’, non nuova a questo tipo di polemiche e provocazioni, fa quindi un passo indietro, ma soltanto in parte. La domanda che però le viene fatta dai suoi detrattori e se esistano animali di serie a e animali di serie b e se mucche, cavalli, agnelli e suini meritino invece di essere ammazzati dalla mano dell’uomo. La conduttrice ha però sempre sottolineato come non si dovrebbe far male a nessun animale ed è per questo che è vegetariana da tantissimo tempo. Insomma, sul web la discussione sembra lontana dal vedere la parola fine. Ci sarà un altro capitolo