Home Musica Arisa, paura e incertezza per il suo futuro: “Mi sento morire”

Arisa, paura e incertezza per il suo futuro: “Mi sento morire”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:06
CONDIVIDI

La cantante Arisa si è lasciata andare a delle considerazioni personali in cui emerge tanta paura per il futuro. Ecco che cosa ha detto.

Arisa malata
Arisa (Fonte: Instagram)

Arisa, cantante molto apprezzata nel panorama discografico italiano, si è abbandonata ad una confessione con i propri fan sui social. La donna si è affermata nel corso degli anni in campo musicale grazie al suo incredibile talento e una voce stupenda, semplice, pulita ma molto forte e decisa. Con i suoi testi riesce ad arrivare dritto al cuore del suo pubblico, che la segue e supporta sempre nelle sue avventure.

LEGGI ANCHE —>Arisa, si abbandona alle lacrime, fan distrutti dalle sue parole

Arisa, tutta la verità

Arisa Oggi è un altro giorno
Arisa, Oggi è un altro giorno

Nelle scorse ore Arisa si è lasciata andare ad un duro sfogo sui social, in cui ha raccontato la verità di un momento molto difficile che sta affrontando. Sul suo account ufficiale di Instagram infatti ha pubblicato un post toccando un tema molto serio, che riguarda l’attuale situazione sanitaria mondiale schiacciata dal peso del coronavirus che continua ad avanzare inesorabile. Negli ultimi giorni sono state varate dal Governo italiano delle misure preventive per evitare la diffusione della malattia e purtroppo a farne le spese ci sono state varie categorie lavorative in particolare. Anche il mondo dello spettacolo, delle arti e della musica ha subito un durissimo stop, come già era precedentemente successo anche nei mesi scorsi.

LEGGI ANCHE —>Arisa è malata? Lo sfogo sui social: le condizioni della cantante

La cantante dunque ha fatto una sua considerazione su questo periodo drammatico che stiamo vivendo, esprimendo il suo pensiero più profondo. Emergono delle parole di Rosalba Pippa, vero nome dell’artista, tutte le perplessità, incertezze, ma soprattutto paura per ciò che avverrà. In particolare la donna si abbandona ad una confessione, raccontando che negli ultimi mesi ha avuto pochissimo lavoro e che per questo è stata anche pagata molto meno rispetto agli anni passati. Con tanta fragilità racconta di rimanere in vita pur sentendosi morire, cercando di farsi forza e buttandosi nel cibo fino a quando c’è la possibilità. Si intuisce anche la grande difficoltà emotiva che vive perdendo il sonno e passando ore a guardare il soffitto, pensando ad un passato più glorioso in cui si beveva soltanto champagne.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

The truth. Riguardo alla situazione vigente non so che dire e soprattutto non mi sento nessuno per dire nulla. Sto come voi, in attesa: pochissimo lavoro, quello che c’è pagato molto meno degli altri anni. Navigo a vista, ma mi chiudono le finestre. Allora brancolo nel buio. Il buio mi fa paura, mi paralizza, non riesco a fare un passo e neanche a pensare ad altro che non sia “oddio è tutto buio”. Non cresco. Rimango in vita ma mi sento morire. Mi faccio forza e punto sul cibo finché ce n’è. Mangio e bevo un bicchiere di vino rosso tutt’ad un fiato che mi faciliti il sonno, mi metto a letto e guardo il soffitto. Affascinante. E pensare che una volta bevevo solo Champagne, ma ancora prima solo acqua dal rubinetto. Quindi c’è speranza. Non immagino che cosa possa significare per una persona che ha investito i sacrifici di una vita in una qualsiasi attività essere costretto costretto a chiudere. Meglio morire di #covid_19 o di fame? Questo il dubbio amletico del 2020. Ci auguro buona fortuna. Con immenso amore, Buona notte😘 #rosalbapippa #instapip #bethelovegeneration #guerrieridellaluce #ricominciareancora #covid_19 #hairotto

Un post condiviso da Arisa (@arisamusic) in data:

Rosalba però rimane con i piedi per terra e ricorda anche di quando, prima ancora dello straordinario successo, c’era una situazione molto più agiata e ciò che si poteva bere era soltanto acqua del rubinetto. Rimane dunque la speranza nel suo cuore che ci sia un futuro migliore, dove tutto possa ritornare a stabilizzarsi. Un pensiero però va a chi ha fatto tanti sacrifici lavorativi per avere una vita dignitosa e adesso si ritrova a chiudere le proprie attività.