Home Musica Arisa è malata? Lo sfogo sui social: le condizioni della cantante

Arisa è malata? Lo sfogo sui social: le condizioni della cantante

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:40
CONDIVIDI

Arisa è malata? La cantante si è sfogata sui social con un post in cui scrive di non riuscire a dormire da tempo: “Ho paura”.

Arisa malata
Arisa

Arisa è malata? La cantante ha scritto un lungo sfogo sul suo profilo Instagram in cui spiega che cosa le sta succedendo e perchè non riesce a dormire da tempo.

La cantante al momento è diventata una vera e propria icona del movimento della “Bodypositive” che sta spopolando sul web. Si tratta di promuovere l’accettazione di sé stessi e scongiurare l’utilizzo di filtri fotografici o ritocchi estetci per nascondere le imperfezioni del viso e del corpo.

Un movmento che si rivolge soprattutto al pubblico femminile e di cui Arisa si è fatta portavoce, annunciando che non ha pù intenzione di ritoccare le sue foto sui social.

LEGGI ANCHE -> Arisa si scaglia contro Sgarbi: “Mi fai schifo”

Arisa è malata? Lo sfogo su Instagram: “Ho paura…”

Arisa malata
Arisa (Fonte: Instagram)

La donna ha voluto scrivere, stanotte, un post molto significativo che fa capire come sta vivendo questo momento la cantante; ovviamente parliamo della situazione in cui tutti noi ci troviamo, quella determinata dalla pandemia.

Arisa non riesce a dormire da parecchi giorni ma, come lei stessa ammette, non è più un problema per lei. Osserva una lampadina che pende nuda dal soffitto e ammette che inizia a piacerle anche così, senza protezioni: aspetta qualcuno che valorizzi la sua luce? In realtà basta a sé stessa e assume la sua funzione perfettamente; filosofia spicciola la chiama lei, che in realtà nasconde una grande profondità.

LEGGI ANCHE -> Arisa e la confessione sui social: “Mi sono sentita sbagliata”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

È da un po’ che verso le tre di notte mi sveglio e non ho più sonno. All’inizio era un problema, adesso è un appuntamento fisso che utilizzo come tempo in più. Non è male. Osservo il soffitto della mia camera da letto, ancora in cerca d’identità. La lampadina che scende nuda. Nessuna poesia o forse ce l’ha: una poesia che esprime la libertà di essere ferma, dignitosa perchè funzionale al compito, nell’attesa che arrivi il signor lampadario che sappia valorizzare la sua luce? Oppure no. Se la guardo bene pare che non aspetti nessuno, illumina lo stesso e a me piace pure. Anzi, mi è proprio simpatica questa lampadina smilza senza identità, con la forte identità di chi sembra non averne. Tuttavia cercherò un lampadario, si. Adoro il contrario dell’ovvio, siamo pieni di ovvietà, come se dagli anni 2000 fossimo tutti tonti, incapaci di cogliere qualsiasi senso che non ci venga spiegato a gesti o descritto “len ta men te”, con parole sempre più semplici, che non lascino adito a libere interpretazioni. Non ne veniamo fuori..Non so se mi spiego.. E intanto sono le 04:51. Come se la vita fosse infinita. Mi faccio un panino e stanotte la passo così. Filosofia spicciola, piccoli rimedi per sottrarre spazio alla paura. #covid_19 questo impenitente sconosciuto. Voglio fare un falò di mascherine e non vederne più neanche una per il resto della mia vita. Quando tutto sarà finito. Perché finirà. Andrà bene. Bisogna tenere duro e cercare di dormire. Appunto. Buona notte. 🏋🏻 ( scusate le chiacchiere ) ❤️ ( cogliete l’occasione per amare ) 🐶🐶👩🏻‍💼 #covid_19 #hairotto #instapip #rosalbapippa #bethelovegeneration #ricominciareancora 🤞🏻

Un post condiviso da Arisa (@arisamusic) in data:

Ma Arisa ammette di avere paura; non è malata, ma è solo molto spaventata e queta situazione le toglie il sonno, tanto che alle 4 del mattina è ancora sveglia: “Piccoli rimedi per sottrarre spazio alla paura, Covid 19, questo impenitente sconosciuto – continua – Voglio fare un falò di mascherine e non vederne più neanche una per il resto della mia vita, solo quando tutto sarà finito. Perché finirà e andrà bene“.