Home Televisione Dottie Perkins Vite al Limite: un finale davvero inaspettata

Dottie Perkins Vite al Limite: un finale davvero inaspettata

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:39
CONDIVIDI

Dottie Perkins Vite al limite: com’è finita la vicenda della paziente del dottor Nowzaradan? Non sono mancate le sorprese.

Dottie perkins vite al limite

Questa sera, ancora una volta, si rinnova l’appuntamento con ‘Vite al Limite‘, programma che sta facendo le fortune di Real Time. Il riferimento è ai grandi risultati dal punto di vista degli ascolti. Questo sta a significare che le storie dei pazienti alle prese con i problemi dell’obesità appassionano e non poco i telespettatori. Ma chi sarà la protagonista delle vicende odierne e che si è rivolta al dottor Nowzaradan? Non mancheranno certe le sorprese e i colpi di scena.

LEGGI ANCHE -> Vite al limite, accusa pesantissima: dottor Nowzaradan in tribunale 

Dottie Perkins Vite al Limite, la sua storia è davvero molto particolare

dottie perkins

L’episodio odierno narrerà la storia di Dottie Perkins. La sua storia però è davvero molto particolare e tutta da raccontare. Infatti pare che la ragazza abbia anche fatto causa al programma. La giovane, arrivata da Oxford, cittadina del Mississipi, pesava ben 291 kg. Questo per lei è sempre stato un problema, che tra l’altro si è portata dietro fin da piccola. Il motivo? i rapporti conflittuali con la madre, che le hanno causato un forte disturbo alimentare. Stando a quello che lei aveva raccontato, il cibo era rimasto per lei l’unica valvola di sfogo e fonte di sostegno psicologico. Ma com’è andato il suo percorso?

LEGGI ANCHE -> Erica Wall Vite Al Limite come sta oggi? Un finale drammatico

Nei dodici mesi all’interno della clinica di Houston, la giovane mamma è riuscita a perdere solo 55 chili. Ed è da qui che sono nate le accusa rivolte al dottore, che hanno portato alla denuncia all’intero programma. Tra l’altro Dottie, poco dopo la fine della trasmissione,ha subito un lutto straziante, ossia la morte di suo figlio Daniel a causa di una paresi celebrale. La donna è comunque riuscita ad andare avanti, grazie all’amore per il suo secondo figlio.