Home News Calciatore del Siviglia positivo: salterà il match con la Roma

Calciatore del Siviglia positivo: salterà il match con la Roma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:30
CONDIVIDI

La situazione in Spagna è sempre molto complicata è difficile. Ed ecco che è stato trovato un calciatore del Siviglia positivo.

calciatore del siviglia positivo

La situazione del Coronavirus in Spagna è sempre molto delicata, complicata e difficile. Un qualcosa di davvero drammatico e che potrebbe condizionare molte cose, tra cui il mondo del calcio. Questo anche perché la news delle ultime ore è la positività di un giocatore del Siviglia, che tra l’altro affronterà la Roma negli ottavi di Europa League. Ma quali sono le sue condizioni di salute? Le ultime arrivano dalla società iberica.

LEGGI ANCHE -> Mel Gibson positivo al Covid-19, è stato ricoverato: come sta?

Calciatore Siviglia positivo, il comunicato della società spagnola

calciatore morto pandemia positivo

Il Siviglia comunica che dopo i test effettuati domenica sui giocatori, un membro della prima squadra è risultato positivo al Covid-19. La persona colpita è asintomatica, in buona salute ed è isolata a casa. Il club ha immediatamente allertato le autorità sportive e sanitarie, sospendendo in misura preventiva l’allenamento della squadra per svolgere attività di sanificazione presso le strutture“, questo il comunicato apparso sul sito degli andalusi. Insomma, la situazione sembra essere comunque abbastanza sotto controllo e non destare particolare preoccupazioni.

LEGGI ANCHE -> Covid 19, positivo in una squadra di Serie A: è in isolamento

Va detto però che questo è il secondo caso in pochi giorni di un giorno della Liga, il campionato spagnolo, di positività al Covid 19. Questo dimostra come le condizioni del Paese iberico siano molto difficili. Questo comunque non creerà alcun tipo di problema la match contro la Roma, che si disputerà regolarmente. Il giocatore positivo ma asintomatico salterà la sfida di Europa League. La situazione però è molto monitorata per evitare che degeneri. L’allarme sanitario non è per nulla finito e l’allerta va tenuta alta, anche per i calciatori, che, pur essendo controllati, restano comunque esposti e a rischio.