Home Personaggi Amanda figlia Stefania Sandrelli: una lunga malattia l’ha fatta soffrire

Amanda figlia Stefania Sandrelli: una lunga malattia l’ha fatta soffrire

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:41
CONDIVIDI

Amanda Sandrelli è la prima figlia della nota attrice Stefania Sandrelli. Ma quali sono i rapporti tra le due? C’è una storia importante.

Amanda Sandrelli

Stefania Sandrelli è una della attrici più note e che ha fatto la storia del mondo del cinema con cui alcuni film a cavallo tra gli anni ’70 e gli anni ’80. A far chiacchierare è stata però anche la sua love story con Gino Paoli. Il loro amore, che è stato definito, per tanti motivi, proibito, ha portato alla nascita di Amanda, la prima figlia dell’artista. Il rapporto tra le due è fortissimo e profondo, soprattutto per una disavventura accaduta un po’ di tempo fa. Ma che cosa è successo?

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Stefania Sandrelli sotto accusa, lei si giustifica così

Amanda Sandrelli figlia Stefania Sandrelli: come sta oggi dopo la malattia?

La 55enne ha infatti dovuto combattere con il cancro in una lunga intervista rilasciata ai microfoni de ‘La Repubblica’. Le sue parole hanno senza alcun dubbio toccato e colpito tutti: “Io non amo parlare di me, ma riconosco che è importante che le donne condividano l’esperienza della malattia, perché aiuta a non sentirsi sole. E a eliminare la paura che la parola cancro genera in tutti noi. Inutile dire che, quando mi hanno detto la diagnosi, ho avuto paura. In quei momenti, quando senti la parola “cancro”, pensi alla morte o alle mutilazioni. Da questo punto di vista, il lavoro del professor Veronesi è stato importantissimo. Luiha permesso alle donne di operarsi con la certezza di non essere mutilate“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Giovanni Soldati, fidanzato Stefania Sandrelli: ecco perché non si sono sposati

Amanda, che in passato ha spiegato perché non ha preso il cognome del papà Gino Paoli, ha raccontato anche come mamma Stefania ha vissuto la sua malattia. Le persone care le sono sicuramente state molto vicine, ma la madre ha comunque, quantomeno inizialmente, vissuto un periodo complicato: “All’inizio ho preferito non parlargliene. La sua mamma è morta quando lei aveva 22 anni. Per lei e per la sua generazione la parola cancro è sempre stata una sorta di condanna. Per questo ho preferito parlare con lei e mio padre quando avevo chiara la situazione. A quel punto lei mi è stata vicina come nessun altro“. E fortunatamente è andato tutto bene e il peggio è stato messo alle spalle.