Home Musica Toto Cotugno rivela: “Albano? Mi ha salvato la vita”

Toto Cotugno rivela: “Albano? Mi ha salvato la vita”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:00
CONDIVIDI

Toto Cotugno, ospite a Verissimo, ha confessato di essere molto grato ad Albano che gli ha letteralmente salvato la vita, ecco perché.

Toto Cotugno Albano
Toto Cotugno e Albano

Toto Cotugno ha voluto raccontare a Verissimo del suo legame fortissimo con Albano che, recentemente, si è fatto ancora più forte grazie ad un gesto che non dimenticherà mai, salvandogli la vita: come?

Qualche anno fa, infatti, Cotugno ha scoperto di avere un tumore; il momento più drammatico per lui e per la sua famiglia. E’ stato proprio il suo amico Albano che lo ha aiutato a superare la malattia e che gli ha permesso di tornare a creare nuove canzoni e a fare i suoi concerti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Nicolò Cotugno, figlio di Toto: è nato da una relazione extra coniugale?

Toto Cotugno: “Albano mi ha salvato”

Toto Cotugno Albano
Toto Cotugno

Una vita di grandi successi e soddisfazioni quella del cantante, tra cui la vincita del Festival di Sanremo e dell’Eurosong Contest. Tuttavia, ha visto crollarsi il mondo addosso quando gli è stato diagnosticato un tumore alla prostata, qualche anno fa.

E’ stato Albano ad aiutarlo, facendogli conoscere il medico che gli ha salvato la vita operandolo. Cotugno lo ha raccontato a Silvia Toffanin a Verissimo, esprimendo la sua gratitudine nei confronti del cantante e amico. Lui lo ha messo in contatto con il dott. Rigatti dell’ospedale San Raffaele, che lo ha operato.

Non si è trattato di un’operazione facile, dato che il tumore si era diffuso dalla prostata ai reni: è stato necessario, infatti, asportare il rene del cantante.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Chi è la moglie di Toto Cotugno? Stanno insieme da oltre 50 anni

Tuttavia Toto Cotugno si è ripreso totalmente dalla malattia e ha ripreso da tempo a fare i concerti; ogni tanto si stanca stando in piedi per troppe ore e deve sedersi, ma è comunque in forma e sarà sempre grato ad Albano per averlo aiutato a guarire, anche se indirettamente.