Home Musica Alberigo Crocetta, chi è il discografico che ha scoperto Mia Martini?

Alberigo Crocetta, chi è il discografico che ha scoperto Mia Martini?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:08
CONDIVIDI

Oggi andrà in onda ‘Io sono Mia’, il film dedicato a Mia Martini. Tra le figure più importanti, anche nella pellicola, c’è Alberigo Crocetta.

Alberigo Crocetta

Per omaggiare Mia Martini a ben 25 anni dalla sua tragica scomparsa, ‘Rai Uno’ ha deciso di mandare in onda ‘Io sono Mia’, il film dedicato alla cantante calabrese, interpretata alla perfezione da una bravissima Serena Rossi.

Un vero e proprio documentario sulla vita dell’artista morta prematuramente nel maggio del 1995, realizzato da Riccardo Donna, che tocca e analizza nei minimi dettagli gli aspetti sia della vita privata che professionale di Mimi. Tante le figure che spiccano e che vengono ricordate, tra cui quella di Alberigo Crocetta.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Mia Martini, dopo 25 anni: la sua morte resta un mistero

Alberto Crocetta: “Ecco come ho scoperto Mia Martini”

Quest’ultimo è infatti il discografico che ha avuto il merito e il fiuto infallibile di scoprire talenti del calibro di Patty Pravo e dei Primitives, ma soprattutto di lanciare la Martini. Tutto ha avuto inizio ed è cominciato quando ha aperto un locale di sfondo beat, in cui ogni sera si esibiva un cantante diverso. E molti di questi sono riusciti ad arrivare al successo e a fare una grande carriera. Inoltre va detto che è stato proprio lui a trovare a Mimi il nome d’arte Mia, ispirandosi, come ha dichiarato in un’intervista, alla nota e affascinante attrice Mia Farrow.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Enzo Gragnaniello, il suo rapporto speciale con Mia Martini

Fino al 1978, Alberigo Crocetta ha sempre accompagnato molti artisti nella pubblicazione di alcuni degli album più noti e di successo. Il ritiro dalle scene è però arrivata in definitiva nel ’79, quando oramai, a causa della stanchezza, ha deciso di dedicarsi solo alla vita privata. Nel film ‘Io sono Mia’, il discografico è interpretato da Antonio Gerardi. Insomma, una figura importante e che non poteva essere esclusa e non considerata in quest’opera.