Home Musica Loredana Bertè sorella Mia Martini: un grande dolore la affligge ancora oggi

Loredana Bertè sorella Mia Martini: un grande dolore la affligge ancora oggi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:09
CONDIVIDI

Loredana Berté è Mia Martini hanno avuto un legame fortissimo. Un rapporto profondo nato in una situazione familiare a dir poco complicata.

Loredana Bertè

Un legame indissolubile e imprescindibile. Può essere senza alcun dubbio descritto così il rapporto tra Loredana Berté e Mia Martini. Le due sorelle sono cresciute in un contesto e in un clima familiare complicato e difficile. Questo però ha sicuramente rafforzato la loro unione. Nate lo stesso giorno, il 20 settembre, ma di due anni diversi, ossia il 1947 e il 1950, le due grandi voci della musica possono esser considerate delle vere e proprie gemelle.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Loredana Bertè: “Ecco come nacquero le dicerie su mia sorella Mimì”

Loredana Bertè sorella Mia Martini: un legame profondo

loredana bertè

Era tutto il contrario di me, anche del mio stile“: in questo modo Loredana ha descritto Mia nel suo libro ‘Traslocando, è andata così’. Nel 1999 le due hanno pubblicato un album insieme, dal titolo ‘Sorelle’. Dopo tanta gavetta, dove sono state coadiuvate e sostenute dal loro grande amico Renato Zero, sono riuscite a ottenere la consacrazione merita. D’altronde, nonostante i numerosi ostacoli e le tante difficoltà, il talento prima o poi paga e porta a raggiungere traguardi importanti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Loredana Bertè racconta Mimì: “L’abbiamo nascosta in soffitta per un anno”

Insomma, Loredana e Mia hanno condiviso molti aspetti della vita privata e professionale. Ed è per questo che per la Berté la morte della sorella, avvenuta il 12 maggio del 1995, è stata un colpo durissimo e ancora oggi difficile da digerire e da accettare, come si capisce da molte dichiarazioni rilasciate in numerose interviste: “Non riesco a darmi pace di essere partita per un viaggio senza averla salutata. Avevamo litigato per delle cose frivole. Penso a quel maledetto cellulare che lei avrebbe voluto darmi, ma che io non ho voluto. Ora posso dire di aver perso la telefonata della mia vita“. Parole che chiariscono, ancora una volta, il loro profondo legame.