Home News Gerry Scotti, un anno fa l’incubo: il conduttore ricorda tutto

Gerry Scotti, un anno fa l’incubo: il conduttore ricorda tutto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:15

Gerry Scotti, un anno fa viveva il grande incubo che gli ha davvero cambiato la vita, oggi lo ricorda a tutti come un vero monito: di che cosa si tratta?

Gerry Scotti
Getty Images

Si torna a parlare del conduttore di Canale Cinque che proprio in questo periodo è impegnato con Tu si que vales il Sabato sera e tutti i giorni nel pomeriggio con Caduta Libera.

Il suo successo televisivo continua a gonfie vele e senza nessun tipo di problemi, ma nelle ultime ore ha farlo finire al centro dell’attenzione è stata il ricordo doloroso di quanto accaduto proprio un anno fa, un racconto che ancora lo tormenta.

“E non è una cosa facile da raccontare. E vorrei raccontarla a tutti coloro che lo ‘negano’, bastava venirmi a trovare” sono queste alcune sue parole durante la presentazione del Premio ‘Lombardia è Ricerca’  al Teatro alla Scala di Milano.

Gerry Scotti ricorda il Covid: “un anno fa ero in terapia intensiva”

Gerry Scotti abbandona per un momento i panni di conduttore di grande successo per vestire quelli che un anno fa gli hanno fatto vivere una grande paura dalla quale forse ancora non crede di essersi riuscito a salvare.

“Un anno fa, l’8 novembre dello scorso anno, ero ricoverato in terapia intensiva ha ammesso il presentatore di Canale Cinque in occasione della presentazione del Premio Lombardia è ricerca a cui ha preso parte. Un vero monito per tutti quelli che ancora oggi non ci credono.

Un momento davvero difficile che in diverse occasioni anche lui ha raccontato, sottolineando come a dargli la forza sia stata anche la nascita della sua prima nipote Virginia, figlia del figlio che ha deciso di dargli il suo nome.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE>>> Gerry Scotti a Sanremo? Le sue parole spiazzano davvero i suoi fan

“Se dieci giorni dopo sono stato giudicato guarito e ancora ‘utilizzabile’ per i prossimi vent’anni, questo lo devo all’organizzazione della Regione Lombardia, alla sua macchina sanitaria e agli uomini e alle donne che ci lavorano” ha poi concluso sottolineando come i medici e tutto l’ospedale abbiano contribuito a salvargli la vita. Una grande fortuna non possibile a tutti.