Home Musica Raffaella Carrà e il Tuca Tuca: “Provarono a togliermelo”

Raffaella Carrà e il Tuca Tuca: “Provarono a togliermelo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:58

Raffaella Carrà e il Tuca Tuca, la storia del ballo che fede scandalo: “Provarono a togliermelo subito” com’è andata?

raffaella carrà tuca tuca
Raffaella Carrà (Getty Images)

Raffaella Carrà e il Tuca Tuca, la storia del ballo che fece scandalo, scalando tutte le classifiche: il racconto della conduttrice dalla censura al rilancio.

È stata proprio la conduttrice, nel corso di un’intervista a Che tempo che fa del 2019 a raccontare a Fabio Fazio e al suo pubblico la storia del noto balletto, presentato per la prima volta nel 1971.

Il brano Tuca Tuca era stato scritto da Gianni Boncompagni, all’epoca fidanzato di Raffaella, e la nota coreografia era stata ideata da Don Lurio ed esordì a Canzonissima nella puntata del 13 novembre.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE -> Raffaella Carrà, lo sfogo sulla sua mamma in diretta passato alla storia

Raffaella Carrà e il Tuca Tuca, dalla censura al rilancio del balletto

La coreografia della canzone fu eseguita sul palco dalla showgirl e il ballerino Enzo Paolo Turchi; la regia ebbe l’accortezza di far sì che la coppia ballasse posizionata di “tre quarti” rispetto alla telecamera, in modo che non sembrasse che i due si toccassero parti del corpo troppo osè.

La Carrà ha raccontato a Che tempo che fa che subito dopo la puntata di Canzonissima uscì un articolo piuttosto duro dai tratti censurativi su L’Osservatore Romano: Me l’hanno tolto subito il Tuca Tuca…”. Tuttavia il brano ha scalato le classifiche musicali e il suo successo fu impossibile da ignorare.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE -> Raffaella Carrà, chi sono i suoi figli? Un rapporto speciale

A contribuire al rilancio del balletto è stato proprio Alberto Sordi che si interessò del Tuca Tuca e chiese a Raffaella di poterlo fare con lei: “Non potevano non ascoltare lui” ha raccontato la Carrà e da lì il ballo e la canzone sono diventati dei veri e propri successi internazionali, ancora oggi attuali.