Home Televisione Massimo Cannoletta, ecco il “segreto” per vincere tanto a L’Eredità

Massimo Cannoletta, ecco il “segreto” per vincere tanto a L’Eredità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:48

Qual è stato il “segreto” che ha permesso a Massimo Cannoletta di vincere tanto a L’Eredità? Ecco che cosa sappiamo, fan senza parole.

cannoletta

Massimo Cannoletta è stato uno dei campioni più amati e soprattutto vincenti di sempre a L’Eredità. L’uomo, grande amante della cultura, come vi ricorderete sicuramente se ne è andato senza mai essere sconfitto.

In molti si chiedono come abbia fatto a vincere così tanto, se magari dietro di lui si nasconde un oscuro segreto. La realtà  dei fatti, però, è ben diversa ed ha avuto modo di svelarla in una recente intervista in cui  ha avuto modo di parlare della sua esperienza all’interno del  famosissimo game show di Rai Uno.

Ecco qual è stato il suo “segreto”, sempre se tale si può definire.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Massimo Cannoletta, ecco una cosa che non sa: fan senza parole

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Massimo Cannoletta (@massimo20.it)

Massimo Cannoletta come ha fatto a vincere così tanto a L’Eredità?

Massimo Cannoletta ha confessato che il suo “segreto” se così si può definire è stato il fatto di non sentirsi per niente competitivo. Nella sua vita, infatti, ha cercato nel limite del possibile di eliminare questa parola e questo concetto dal proprio vocabolario.

Per questo motivo ha avuto modo di avere, per così dire, un piccolo “vantaggio” su tutti quegli avversari che invece lo erano per poi cadere su domande molto banali a causa dell’elevata tensione che loro stessi però, inconsapevolmente o meno, si erano messi addosso da soli.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Massimo Cannoletta ha una moglie? Vita privata e curiosità del campione de L’Eredità

Il noto volto che oggi è presente ogni giorno ad Oggi è un altro giorno ha confessato che neanche quando era a scuola sentiva particolarmente la competizione. Anzi, era il primo che passava i compiti e tutto quello che serviva agli altri.

Insomma, tutto ciò che ha appreso nell’arco della sua vita lo ha fatto per sé stesso e non tanto per gli altri, come se fosse una gara.

Questo, almeno secondo lui, è il motivo per cui ha vinto a L’Eredità: zero competizione equivale a meno pressioni.