Home Streaming The Crown, quanto c’è di vero nei racconti delle prime stagioni?

The Crown, quanto c’è di vero nei racconti delle prime stagioni?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:01

Sei curioso di sapere se tutte le vicende raccontate nella serie tv The Crown sono vere? Ecco tutte le informazioni che stavi cercando su questo argomento.

The Crown
The Crown (Youtube)

Una grandissima curiosità riscuote la serie televisiva The Crown, che basa la sua storia sulle vicende che riguardano la famiglia reale e in particolare la Regina Elisabetta II.

È davvero grande il successo che in effetti questo telefilm, che è stato trasmesso per la prima volta nel 2016, sta riscuotendo.

Al momento sono in attivo quattro stagioni che seguono una linea temporale che va a partire dal 1947 fino agli anni ’90, anche se è tuttora la storia è in produzione.

Moltissimi tra i fan di questa serie televisiva però si domandano quanto ci sia di vero nelle storie raccontate.

Scopriamo insieme dunque in particolare se i racconti delle prime due stagioni sono sempre veritieri oppure nascondono alcune inesattezze.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Claire Foy, Regina Elisabetta II in The Crown 1-2: news sull’attrice

The Crown, vero o falso?

Gli appassionati della fortunata serie televisiva The Crown si domandano da sempre quanto in realtà ci sia di vero nel racconto che viene rappresentato della famiglia reale della Regina Elisabetta II e di tutti i protagonisti che fanno parte delle vicende della trama.

Tale serie ha ottenuto intanto un successo davvero straordinario, con riconoscimenti anche importanti pure da parte della critica.

Non sembra però che il riscontro dei diretti interessati, la famiglia reale, sia stato sempre positivo e in particolare infatti la quarta stagione, l’ultima per il momento che è stata mandata in onda, pare abbia sollevato alcune polemiche proprio a causa di inesattezze delle vicende che sono state raccontate.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Olivia Colman, Regina Elisabetta II: news sull’attrice di The Crown 3-4

Queste sono state infatti ritenute alcune volte forse un po’ troppo romanzate. Per quanto riguarda invece le prime due stagioni della serie, pare ci siano delle inesattezze anche su alcune vicende che sono state messe in luce.

Prima di tutto pare che sia stata raccontata una falsità nei confronti del personaggio del celebre Winston Churchill.

In particolare è stato raccontato una presunto flirt o cotta tra l’assistente Venetia Scott e il noto politico.

Questa fantomatica relazione fra i due si interrompe poi quando la Scott muore uccisa da un autobus durante il periodo del Grande smog avvenuto nel 1952.

La morte di questa donna sembra quasi nella serie che abbia spinto Churchill a ripensare le sue posizioni riguardo il problema dello smog. In realtà secondo il Radio Times pare che addirittura la Scott non sia mai esistita.

Sempre per quanto riguarda il periodo del Grande smog, i racconti che sono stati fatti nella serie non sembrano essere stati particolarmente accurati.

Nel telefilm infatti sembra quasi essere stato accentuato di proposito il panico che generò questo problema, che non fu troppo più grave o vissuto in un periodo molto più lungo rispetto ad altri avuti in precedenza.

In realtà gli effetti che tale ondata ha portato pare siano stati poi studiati e percepiti realmente solo tempo dopo.  I londinesi in effetti erano sempre stati abituati anche ad una qualità non proprio eccelsa dell’aria.

Un ultimo punto su cui esprimersi riguarda poi il Principe Filippo. Nella serie televisiva infatti sembra quasi che l’uomo rifiutasse l’idea di doversi inginocchiare di fronte alla Regina Elisabetta II, sua moglie, così come prevedeva il protocollo reale.

Anche questo dettaglio sembra poco accurato, perché in effetti Filippo proviene da una famiglia molto tradizionale, ed è cresciuto con un grande senso di responsabilità e seguendo disposizioni cerimoniali da sempre.

Sembrerebbe dunque un po’ difficile che non avesse avuto l’intenzione di rispettare questo importante passo, come ha anche sostenuto un esperto, Christopher Wilson, sul Daily Mail.

Diverse sono dunque le inesattezze raccontate, di una storia che in effetti mette in mostra moltissime vicende in un arco temporale vasto.

Basti pensare che addirittura il cast della serie cambia ogni due stagioni, proprio a causa del lungo periodo di storia che viene raccontato.

Gli interpreti cambiano anziché fare invecchiare con il make up gli attori, cosa che aggiungerebbe una maggiore finzione all’intera serie.