Home Televisione Piera Maggio, duro attacco al noto show televisivo: “Vergogna!”

Piera Maggio, duro attacco al noto show televisivo: “Vergogna!”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:29

Piera Maggio si è scagliata contro un noto talk televisivo, le parole della mamma di Denise Pipitone non lasciano spazio a fraintendimenti.

Occhi grandi color nocciola, codini alti e un taglietto sulla guancia, questa l’immagine di Denise Pipitone la bambina scomparsa da Mazara del Vallo nel 2004 tra omertà e ostruzionismo, come denunciato a gran voce da mamma Piera Maggio che mai una volta ha fatto un passo indietro nella ricerca della verità su quanto accaduto a sua figlia.

Dopo lo show mediatico andato in onda in Russia, a seguito dell’apparizione di Olesya Rostova, una giovane (coetanea di Denise) che ha lanciato l’appello per ritrovare sua madre e incredibilmente somigliante alla Maggio si sono riaccesi i riflettori sulla sparizione di Denise.

Mamma Piera è stata ospite in numerosi talk, decisi a dare ampio spazio ai nuovi risvolti sul cado di Denise, con la speranza che dopo anni di silenzio qualcuno decida di parlare. Tuttavia, nelle ultime ore ha fatto discutere l’appello a Quarto Grado di due persone legate alla vicenda.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE>>>Denise Pipitone chi è? Dall’intensa speranza al nuovo dolore

Piera Maggio contro Quarto Grado: “Finta solidarietà”

Nel corso dell’ultima puntata di Quarto Grado è stata ospite di Gianluigi Nuzzi l’ex moglie di Piero Pulizzi (padre biologico di Denise), Anna Corona. Nel 2004 quest’ultima e sua figlia, Jessica Pulizzi, furono le principali sospettate della sparizione della piccola Denise Pipitone, per vendetta e gelosia.

Nel 2017 dopo una serie di processi la Pulizzi vide l’assoluzione per il reato di sequestro di minore in Cassazione. In queste settimane il nome della sorellastra di Denise e di Anna Corona sono tornati agli onori di cronaca e la loro casa (lasciata due anni fa) è stata oggetto di una perquisizione.

Anna Corona ha ammesso di vivere con difficoltà il riaccendersi del processo mediatico a carico suo e di sua figlia Jessica, sottolineando alle telecamere di Quarto Grado il suo desiderio di trovare la verità. La donna desidera essere lasciata in pace per riprendere la sua vita in serenità.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE>>>Denise Pipitone, ipotesi tra dubbi e speranze: è Olesya Rostova?

Piera Maggio è sbottata sulla sua pagina Facebook tuonando Quarto Grado vergogna”, rinnovando il suo desiderio di verità e giustizia per la figlia scomparsa “Non accettiamo la finta solidarietà.”