Home News Gemma Galgani, chi è la Santa omonima della Dama di Uomini e...

Gemma Galgani, chi è la Santa omonima della Dama di Uomini e Donne?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:29

Oggi si celebra la mistica Santa Gemma Galgani, che fu legata in particolare all’ordine dei passionisti. Scopriamo la sua storia.

Gemma Galgani
Gemma Galgani (Youtube)

Molto interessante la storia che riguarda Santa Gemma Galgani, che viene celebrata oggi. La donna è stata una mistica italiana, che si è avvicinata in maniera a particolare ai passionisti.

La sua storia è stata attraversata da momenti molto dolorosi, tra cui anche perdite importanti che ha dovuto subire nel corso della sua breve vita.

La Galgani scomparve l’11 aprile del 1903, quando aveva soltanto 25 anni e fu poi beatificata nel 1933 da papa Pio XI.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Gemma Galgani prende una drastica decisione: “Addio per sempre”

Santa Gemma Galgani, la storia della giovane donna

Gemma Galgani
Gemma Galgani (Youtube)

Una storia davvero tragica quella di Santa Gemma Galgani, che pur nella sua brevissima vita, purtroppo dovette subire tanti momenti dolorosi. Nacque dall’amore dei suoi genitori Enrico Galgani, farmacista, e Aurelia Landi, che ebbero in tutto 8 figli.

Purtroppo fin da molto piccola Gemma affrontò la morte, con la perdita della madre, che morì di tisi. Il padre dunque decise di occuparsi dei propri figli e di far studiare Gemma. Un grandissimo interesse fin da piccola lo ebbe verso il mondo religioso, preparandosi alla comunione, che per lei fu uno dei momenti più belli della sua vita.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Uomini e Donne, Gemma Galgani rovinosa caduta in studio: come sta?

I momenti più difficili però ancora dovevano essere attraversati e dopo la morte del fratello Gino, toccò lo stesso destino al padre che morì di cancro alla gola. Gemma dunque si trasferì inizialmente e per un anno dalla zia Carolina Galgani, ma decise poi di andare via per sfuggire alle varie proposte di matrimonio che riceveva.

La stessa Gemma poi dovete subire il dolore della malattia sulla sua pelle e ammalandosi gravemente, avendo problemi ai reni, alle ossa e altro. Quando ormai sembrava che per Gemma non c’era più nulla da fare, questa miracolosamente guarì del tutto.

Subito dopo la guarigione andò nel monastero delle Visitandine, poiché aveva intenzione di far parte di quell’ordine religioso. Purtroppo però non si trovò bene in quel luogo di poca quiete, poiché le monache parlavano di lei nominandola “ragazzina del miracolo”.

Gli ultimi anni della sua vita Gemma li visse vicino alla famiglia dei Giannini che a cui si era avvicinata e che decisero di prenderla con sé offrendole vitto e alloggio e dove visse per circa 4 anni.

Fu qui che in quegli anni ricevette l’aiuto spirituale di Monsignor Volpi e del passionista Germano Ruoppolo. Quest’ultimo la invitò inoltre a scrivere una sua autobiografia dal titolo Il quaderno dei miei peccati.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Trash Italiano (@trash_italiano)

Fu nel 1902 che Gemma disse che Gesù la aveva informata di volere che fosse fondato un convento di suore passioniste a Lucca, ed è proprio a questo progetto che dedicò anima e corpo. Purtroppo poi però dopo poco si ammalò di tubercolosi, di cui morì.

Certo è che quando si nominata Gemma Galgani nel periodo attuale, non si può non pensare al volto celebre della televisione italiana Uomini e Donne. La donna, facente parte del Trono over, fa particolarmente parlare di sé anche per i suoi battibecchi con Tina Cipollari.