Home Personaggi Augusta Iannini moglie Bruno Vespa, un mestiere davvero importante

Augusta Iannini moglie Bruno Vespa, un mestiere davvero importante

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:12

Augusta Iannini moglie Bruno Vespa: la donna è finita poche volte sotto la luce dei riflettori e della ribalta. Ma qual è il suo lavoro?

augusta iannini moglie bruno vespa

Oggi è una giornata molto particolare e importante per Bruno Vespa. Il giornalista infatti festeggia i 25 anni di quello che è senza alcun dubbio il suo prodotto e la sua creazione maggiormente importante, ossia ‘Porta a Porta‘.

Un anniversario che non può certo passare inosservato, visto che si sta parlando di una trasmissione che ha fatto, a suo modo la storia della nostra televisione. Ma quando si parla del conduttore molto spesso ci si interroga anche sulla sua vita privata. Che cosa si sa su quest’ultima? Giusto entrare nel dettaglio e raccontare il tutto.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Bruno Vespa, ecco di che cosa parla il suo ultimo libro

Augusta Iannini moglie Bruno Vespa, una grande donna: ecco il suo lavoro

Il presentatore è legato da tantissimi anni ad Augusta Iannini, che è la donna della sua vita. Ma che cosa si sa su quest’ultima? I due si sono sposati nel 1975. Il loro matrimonio dura quindi da oltre 30 anni ed è sempre stato vissuto lontano dalla luce dei riflettori e della ribalta. Un amore che si è quindi sviluppato lontano da occhi indiscreti.

Dalla loro unione sono nati persino due figli. Il primo, Federico è giornalista, mentre il secondo Alessandro è invece avvocato. Insomma, una coppia felice e che non hai mai parlato in pubblico della vita privata e sentimentale. Ma qual è l’aspetto che attira maggiormente l’attenzione?

PER POTER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Federico figlio Bruno Vespa, un’amara confessione: “Ho sofferto tanto”

A far chiacchierare è stata la carriera professionale di Augusta Vannini. La moglie di Bruno Vespa si è infatti diplomata al Liceo Classico per poi qualche anno dopo laurearsi in Giurisprudenza presso l’Università la Sapienza di Roma. Abilitata alla professione forense nel 1977, da lì è iniziata la sua brillante carriera. La donna ha ricoperto il ruolo di magistrato di sorveglianza per le carceri dal 1980 al 1983. Successivamente è stata giudice istruttore del Tribunale di Roma. Insomma, una grande donna accanto a un grande uomo: il tutto può davvero essere riassunto così. E chissà se un giorno si potrà avere qualche aneddoto e curiosità in più da raccontare.