Home Musica Veronica, Acustico un brano sull’autismo: la sua esperienza personale

Veronica, Acustico un brano sull’autismo: la sua esperienza personale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:23
CONDIVIDI

Veronica è una cantautrice di grande talento che con il suo ultimo singolo dal nome Acustico, affronta una tematica a lei molto vicina. 

Veronica
Veronica

Interessante lavoro quello fatto dalla cantautrice campana Veronica, che affronta un tema molto importante che viene direttamente da un’esperienza della sua vita. La ragazza ha una grandissima passione per la musica, che si nota in ogni nota che compone e in ogni frase che scrive. Il suo talento è innegabile, infatti ha già ottenuto dei riconoscimenti davvero importanti nel corso della sua carriera.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>>Tommaso Paradiso, una strana richiesta dopo l’uscita del nuovo singolo

Veronica, il suo brano Acustico

Veronica
Veronica

Veronica è una cantautrice di 25 anni nata a Napoli e che vive ad Aversa. Nel suo percorso musicale ha già avuto modo di fare molta esperienza. Aveva iniziato la sua carriera con in varie band emergenti della città dove viveva e poi ha anche partecipato a concorsi musicali. È stato nel 2016 che la ragazza ha raggiunto la semifinale nazionale del Festival di Castrocaro alla 59a edizione. È anche arrivata alla finale nazionale del Festival di Ghedi e nel 2017 ha conquistato anche il premio Mario De Rosa.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>>Carolina Sansoni fidanzata Tommaso Paradiso: dove si sono conosciuti?

La ragazza ha avuto anche il merito di aver scritto vari brani per la compilation Hit Mania e poi nel 2018 ha frequentato il master of Music alla LUISS business School e ha potuto in quel modo avere a che fare anche con cantautori come Tommaso Paradiso o Giorgia. Adesso la ragazza invece si trova a presentare il suo ultimo brano dal titolo Acustico, che tratta un tema davvero molto delicato, cioè quello dell’autismo. Questa tematica sociale non è estranea alla ragazza, poiché tale tipo di disturbo ha coinvolto una persona facente parte della sua famiglia.

La cantautrice dunque si è trovata ad affrontare in prima persona ciò che vuol dire vivere da vicino tale e difficoltà.  Il brano è un buon punto di vista concreto, che in maniera delicata e coraggiosa cerca di voler fare immedesimare tutti gli ascoltatori su un modo diverso di percepire la vita. Grazia delle sfumature elettroniche e suoni scelti con cura, si vuole dare una spinta molto particolare per cercare di far vivere all’ascoltatore un’esperienza sensoriale.

Il brano viene distribuito da Artist First e prodotto da Cantieri Sonori, scritto collaborando con Marco Canigula e il produce Skywalker. Inoltre altro dettaglio non indifferente è il fatto che il basso è stato suonato da Matteo Carlini, che è un noto bassista che ha collaborato vari artisti importanti come Alex Britti o Serena Autieri.

Tale brano si inserisce subito dopo lo straordinario successo che aveva ottenuto Wonder Woman, un altro brano della cantautrice che era invece dedicato alla parità di genere, altro tema molto delicato e che fate notare una certa sensibilità da parte dell’artista verso il sociale. Un esperimento dunque ben riuscito, molto interessante e che porterà sicuramente fortuna alla cantante.