Home Cinema Addio Donald Trump, il saluto infuriato del web

Addio Donald Trump, il saluto infuriato del web

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:59

L’addio a Donald Trump e l’ironia del web diventano rapidamente virali e fanno arrabbiare alcuni. Ecco cosa è accaduto, stiamo a vedere quello che accadrà stasera.

Donald Trump (Getty Images)
Donald Trump (Getty Images)

Torna su Italia 1 Mamma ho riperso l’aereo, mi sono smarrito a New York, secondo capitolo di un classicone di Natale amatissimo dal pubblico. In una sequenza si vedeva proprio il Presidente uscente degli Stati Uniti d’America che interloquiva con il piccolo Macaulay Culkin. In molti, sconvolti da recenti episodi, avevano urlato a gran voce la sua estromissione dal film e il taglio di quel fotogramma, trovando anche l’appoggio dell’attore protagonista all’epoca bambino.

LEGGI ANCHE >>> Un consiglio incredibile

Addio Donald Trump, non si fermano le polemiche

Donald Trump è un uomo che è destinato a fare scalpore, rimanendo sempre e comunque sulla cresta dell’onda e ricevendo risposte anche da persone di paesi lontanissimi dall’America. Per questo si è parlato tanto della decisione di Twitter di bannarlo per sempre, una cosa che però ha visto contrariarsi anche i suoi oppositori. È giusto togliere il diritto di libera espressione a una persona? Anche il più radicale degli anti-Trump ha risposto no, in quanto poi si tratti di una decisione di un’azienda privata che non può entrare così direttamente nei discorsi politici.

LEGGI ANCHE >>> Donald è stato insieme a Lory Del Santo?

Di sicuro l‘eventuale eliminazione di Trump da un film di trent’anni fa non cambierebbe la sua vita personale oggi, ma sarebbe una sconfitta per il cinema che si vedrebbe toccato da cose che non lo riguardano. Si aprirebbe un precedente pericoloso in grado di andare a modificare anche opere storiche di registi o personalità ormai decedute e non in grado di replicare. L’arte in quanto tale non deve essere influenzata in merito e laddovè sia nei limiti della decenza non deve subire dei tagli che non c’entrano niente con la censura ma sono dettati, scusateci, dall’ignoranza.