Home Personaggi Giovanna Botteri, la confessione: “È stato devastante”

Giovanna Botteri, la confessione: “È stato devastante”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:10
CONDIVIDI

Giovanna Botteri, giornalista italiana, si è lasciata andare ad una confessione dolorosa che l’ha colpita nel passato. Scopriamola.

Giovanna Botteri

Giovanna Botteri oggi sarà ospite a Domenica In. La giornalista qualche tempo fa ha ricordato in diretta Tv un tragico evento che l’ha devastata. La donna è l’ex moglie di Lanfranco Pace, da cui insieme hanno avuto una figlia, Sarah Ginevra Pace. Per la sua importante carriera ha ricevuto tantissimi riconoscimenti. Figlia del giornalista Guido Botteri ha introdotto i suoi primi passi nel mondo del giornalismo giovanissima. Infatti nel 1985 inizia a lavorare per la Rai di Trieste. Ma scopriamo l’evento doloroso che ha colpito la Botteri.

LEGGI ANCHE —> Lanfranco Pace ex marito Giovanna Botteri: “Non ho più una vita”

Giovanna Botteri, quel tragico evento del suo passato

Giovanna come inviata speciale ha seguito numerosi ed importanti avvenimenti nazionali. Dal 1992 al 1996 ha seguito la Guerra in Bosnia e l’assedio di Sarajevo, qui ha filmato l’incendio, con l’operatore Miran Hrovatin, della Biblioteca Nazionale, la strage del pane, il massacro di Markale e quello di Srebrenica. Proprio nel 1994 mentre lei era in Bosnia si è trovata ad affrontare un drammatico lutto. La sua collega, Ilaria Alpi, partì nello stesso periodo della Botteri per raggiungere la Somalia, qui venne assassinata insieme a Miran Hrovatin. La giornalista ha confessato che quando è venuta a conoscenza del lutto è stato devastante, ha attraversato tutta l’ex Jugoslavia in macchina per ritornare in Italia e apprendere qualcosa di più.

LEGGI ANCHE —> Lanfranco Pace ex marito Giovanna Botteri: la passione per le carte

A quell’epoca la figlia, Sarah Ginevra, andava all’asilo e in un primo momento giravano le voci che potesse essere lei la vittima. Attimi di puro terrore per la Botteri. Ancora oggi quel lutto è una ferita molto dolorosa.