Home News Philippe Daverio è morto, lutto nello spettacolo

Philippe Daverio è morto, lutto nello spettacolo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:00
CONDIVIDI

E’ morto all’improvviso un importante personaggio della cultura italiana: un grande divulgatore dell’arte, capace di appassionare il grande pubblico.

Daverio morto
Philippe Daverio

Nella notte tra il 1 e il 2 settembre è morto Philippe Daverio, noto storico dell’arte e divulgatore televisivo molto apprezzato dal pubblico. L’uomo aveva 70 anni ed è venuto a mancare nell’Istituto dei tumori di Milano; da tempo, infatti, lottava contro una forma di cancro.

Daverio è nato il 17 ottobre 1949 a Mulhouse, in Alsazia, ed è noto innanzitutto per essere stato un brillante storico dell’arte, critico, saggista e anche accademico, oltre che per aver partecipato a molte trasmissioni televisive a tema culturale.

La sua prima apparizione televisiva è stata quella come inviato, nel 1999, per la trasmissione Art’è su Raitre; dopodiché ha condotto Art.tù, programma di cui era anche autore. Successivamente è stato il conduttore di Passpartout e poi di Emporio Daverio, per Rai 5.

LEGGI ANCHE -> Grave lutto nel mondo del cinema, morto importante attore

Morto Philippe Daverio, personaggi dello spattacolo addolorati

Daverio morto
Philippe Daverio

Il decesso dello storico dell’arte è stato annunciato dalla regista Andree Ruth Shammah, che gli ha dedicato un post sui social per salutare l’amico e collega: “Amico mio ….il tuo silenzio per sempre è un urlo lancinante stamattina“.

Anche diversi personaggi del mondo della politica si sono esposti nel ricordare la memoria del critico, che ha avuto anche alcuni incarichi politici tra cui ricordiamo, il più importante, come Assessore alla cultura del Comune di Milano.

Leggi anche -> Dramma improvviso, morto giovanissimo in bici

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Amico mio ….il tuo silenzio per sempre è un urlo lancinante stamattina

Un post condiviso da Andrée Ruth Shammah (@andreeruthshammah) in data:

Il presidente dell’Anpi provinciale di Milano Roberto Cenati scrive: “Una gravissima perdita  per il Paese, per Milano, per la cultura, per tutti noi”.