Home Personaggi Figli Riccardo Muti, chi sono Francesco, Chiara e Domenico?

Figli Riccardo Muti, chi sono Francesco, Chiara e Domenico?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:30
CONDIVIDI

Francesco, Chiara e Domenico sono i tre figli di Riccardo Muti e Maria Cristina Mazzavillani, scopriamo chi sono e cosa fanno.

Chiara Muti con il padre
Chiara Muti con il padre

Di tre figli che hanno avuto nessuno di loro ha deciso di seguire la orme del padre, nonostante tutti nutrano una grande passione per la musica. Come biasimarli, con un padre così. Solo Chiara ha studiato canto e pianoforte, anche se poi ha intrapreso la strada della recitazione cinematografica e teatrale riuscendo anche a riscuotere un discreto successo. E’ sposata con il pianista francese, David Fray conosciuto a Parigi durante un concerto diretto dal padre di lei, dal 2008. Ha una figlia con l’attuale marito, GildaFrancesco, invece, il primogenito, è laureato in architettura e neanche lui si è dedicato alla passione irrefrenabile del padre. E’ sposato con Susanna Baldassarri e hanno avuto un figlio che prende il nome dal nonno paterno. Infine, Domenico, il più piccolo tra i tre ha studiato legge e ora si occupa di gestire i contratti del padre ed è anche direttore del Italian Opera Academy, fondata da suo padre Riccardo. Tutti e tre sono nati a Firenze, perché i genitori si trovavano lì per lavoro.

Leggi anche–> Ambra Angiolini e Francesco Renga: perché si sono lasciati

Figli Riccardo Muti, non seguono le orme del padre

Riccardo Muti e la moglie
Riccardo Muti e la moglie

Nonostante i tre ragazzi non abbiano intrapreso la carriera musicale del padre, che non sappiamo se lo sperasse o meno, sono comunque motivo di grande orgoglio per essersi realizzati, a modo loro, e in base a ciò che più gli piaceva davvero fare. Questo è l’importante. Inoltre hanno dato la possibilità a Riccardo Muti di svolgere il ruolo del nonno. Il fatto che siano una famiglia unita si evince dai racconti del grande maestro e da alcune foto in cui sono raffigurati assieme.

Leggi anche–> I Jalisse: la loro cattura