Home News Ambra Angiolini e Francesco Renga, ecco perché si sono lasciati

Ambra Angiolini e Francesco Renga, ecco perché si sono lasciati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:56
CONDIVIDI

La rottura tra Ambra Angiolini e Francesco Renga continua a far discutere e riflettere. Ma quali sono stati i veri motivi? Ecco l’indiscrezione.

Ambra Angiolini e Francesco Renga

La storia d’amore tra Francesco Renga e Ambra Angiolini è ancora oggi uno degli argomenti di maggior discussione e attrazione nel mondo del gossip. I due ora hanno intrapreso strade differenti, con l’ex protagonista di ‘Non è la Rai’ che è sentimentalmente legata all’ex allenatore della Juventus Massimiliano Allegri. La loro rottura però continua a far chiacchierare il mondo del web, soprattutto per alcune indiscrezioni e rumors. Ma di che cosa si tratta?

LEGGI ANCHE -> Diana Poloni fidanzata Francesco Renga: ecco come ha dimenticato Ambra Angiolini

Ambra Angiolini e Francesco Renga, indiscrezioni sulla loro rottura: ecco che cosa è successo

ambra angiolini

I due comunque, anche per il bene dei loro figli Leonardo e Jolanda, sono rimasti vicini e in ottimi rapporti. La scelta di dirsi addio è stato senza alcun dubbio per loro molto sofferta. Lo stesso cantante, in un’intervista di un po’ di tempo fa ai microfoni di ‘Gioia’, l’ha ammesso senza particolari problemi: Siamo rimasti vicini per i nostri figli. Viviamo a un rampa di scale di distanza. I nostri bambini ci hanno aiutato tantissimo. Abbiamo fatto un bel lavoro su di loro e ci stanno restituendo il favore”.

LEGGI ANCHE -> Francesco Renga, c’è di nuovo amore nella sua vita

Insomma, nonostante la separazione, tra di loro regnano cordialità e rispetto. Ma qual è stato quindi il motivo della fine della loro storia. A provare a fare chiarezza è stato lo stesso Renga: “Ambra e io abbiamo avuto l’intelligenza di renderci conto che era arrivato il momento in cui, per non fare implodere la situazione, c’era bisogno di buttare il cuore al di là dell’ostacolo, per responsabilità nei confronti di una famiglia che comunque  continua a esistere. Litigare, farsi del male, può essere gratificante sul momento ma, a lungo andare distrugge tutti”. Insomma, una decisione tanta dolorosa quanto intelligente.