Home Televisione Gerry Scotti, paura durante la pandemia: racconto drammatico del conduttore

Gerry Scotti, paura durante la pandemia: racconto drammatico del conduttore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:30
CONDIVIDI

Gerry Scotti ha avuto modo di svelare un racconto drammatico durante la pandemia che ha fatto preoccupare lui e Mediaset. Il terrore nei suoi occhi.

Gerry Scotti in lacrime

Gerry Scotti ha avuto modo di svelare un retroscena davvero drammatico riguardo a come ha vissuto, lavorando, la pandemia globale che purtroppo ha colpito tutti quanti e non ha risparmiato nessuno né nel mondo né tanto meno in Italia.

Le precauzioni che necessariamente, e giustamente, Mediaset ha preso in questo periodo di lockdown per consentire a tutti i propri dipendenti e collaboratori di lavorare al meglio sono state davvero molto forti e restrittive ma sicuramente hanno portato i loro frutti.

La paura, però, è ed è rimasta davvero enorme nella mente del conduttore di Caduta Libera: ecco il suo racconto davvero molto difficile, le lacrime non possono non scendere ripensando al recente passato.

TI POTREBBE INTERESSARE: Gabriella Perino compagna Gerry Scotti: una decisione importante

Gerry Scotti, paura in quarantena: retroscena drammatico

Gerry Scotti

Ecco che cos’ha detto Gerry Scotti a riguardo, le sue parole sono state davvero molto forti e spiegano perfettamente il periodo difficile che ha passato.

TI POTREBBE INTERESSARE: Gerry Scotti stipendio da capogiro: ecco quanto guadagna il conduttore

“Anche se è straniante per noi che facciamo spettacolo avere meno pubblico in studio, qualche sacrificio si può e si deve fare.”

Allo stesso tempo, però, c’è la consapevolezza del fatto che ci si debba necessariamente adattare a questa nuova umanità che, per forza di cose, sarà totalmente diversa da quella che eravamo abituati a vivere:

“Ci sono nuove regole da rispettare, ma l’uomo è un animale che si sa adattare a ogni situazione.”

Le fasi della pandemia, però, sono coincise con diverse fasi anche dal punto di vista emozionale:

“Abbiamo vissuto varie fasi della pandemia: il terrore, la paura, le prime decisioni, i dietrofront sulle decisioni. Abbiamo messo i guanti e persino i calzari all’inizio. Credo che alla fine si possa affrontare tutto con serenità.”