Home Cinema Ricky Tognazzi fratellastro Gianmarco Tognazzi: ecco il rapporto tra i due

Ricky Tognazzi fratellastro Gianmarco Tognazzi: ecco il rapporto tra i due

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:04
CONDIVIDI

Ricky Tognazzi è il fratellastro di Gianmarco Tognazzi. Ma qual è il rapporto tra due attori simbolo del cinema italiano?

ricky tognazzi fratellastro gianmarco tognazzi

Ricky Tognazzi e Gianmarco Tognazzi sono senza alcun dubbio due degli attori simbolo e più bravi del cinema italiano. In pochi però molto probabilmente sanno che loro due sono fratellastri, ossia stesso padre ma diversa madre. Il loro papà è il compianto Ugo Tognazzi, considerato uno dei veri e proprio mattatori della commedia italiana. Ma qual è il rapporto che intercorre tra i suoi due eredi?

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Simona Izzo e Ricky Tognazzi svelano un segreto bollente in quarantena

Ricky Tognazzi e Gianmarco Tognazzi, la verità sui due fratellastri

Ugo padre Ricky Tognazzi

A parlare delle loro diversità è stato lo stesso Gianmarco, che recentemente al cinema ha interpretato un ruolo di nome Ugo, proprio come si chiamava suo padre. Il tutto è avvenuto in una recente intervista, rilasciata ai microfoni di ‘Leggo’. Queste le sue parole: “Io e lui siamo diversi. Lui ha una grande passione per i fornelli, che ha ereditato da papà. Io mi sono avvicinato solo in questa quarantena alla cucina. Da mio padre io ho ereditato soprattutto la passione per la terrà e per le materie prime“. Insomma, i due sembrano avere hobby e passioni completamente differenti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Ricky Tognazzi contro Mara Venier: ecco il motivo

Ad accomunarli però è stato l‘amore per il cinema e la recitazione, che è pian pian diventato la loro professione e la loro vita. Un qualcosa che non può non essere stato trasmesso da papà Ugo. A parlare di lui è stato il buon Ricky, spiegando come avrebbe vissuto questa quarantena: “Sono convinto che in un periodo così gli sarebbero soprattutto mancati gli amici. Lui era molto anticonformista. Ma era anche ottimista e sono convinto che, basandosi su questo, si sarebbe rinchiuso a Velletri“. Insomma, una descrizione fin troppo chiara e precisa.