Home Personaggi Il caso Collini, Ferdinand von Schirach: affrontando le difficili origini

Il caso Collini, Ferdinand von Schirach: affrontando le difficili origini

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:31
CONDIVIDI

Lo scrittore Ferdinand von Schirach ha affermato che il suo libro Il caso Collini, divenuto best seller, si ispira a dei fatti particolari del suo passato. 

Il caso Collini
Il caso Collini

Ferdinand von Schirach è l’autore del romanzo di successo Il caso Collini, che stando a quanto ha detto dallo stesso scrittore si basa in parte sulla sua vita privata.

Il libro tratta il caso di un omicidio avvenuto per mano di Fabrizio Collini, un operaio di fabbrica che uccise con un colpo di pistola l’industriale Hans Meier.

Collini viene difeso da Caspar Leinen, che assumendosi il caso e avviando indagini scopre che la vittima era un il nonno di un amico.

Leinen scavando sulla vicenda scopre però un episodio oscuro avvenuto durante la Seconda Guerra Mondiale, che lo lascerà senza parole e farà salire a galla una terribile verità.

LEGGI ANCHE —> Luis Sepulveda, chi è lo scrittore che ha contratto il Coronavirus?

Ferdinand von Schirach ha raccontato che in realtà proprio suo nonno Baldur von Schirach fu uno dei fondatori della gioventù hitleriana, nonché anche governatore nazista di Vienna.

L’uomo fu condannato al carcere per aver deportato 185mile ebrei austriaci, ma non volle mai a mettere di aver commesso questo crimine.

Per Ferdinand von Schirach scrivere questo romanzo dunque è stato un modo per poter discutere delle sue origini.

Il caso Collini, una storia personale

Il caso Collini
Il caso Collini

Per Ferdinand von Schirach dunque Il caso Collini è stata l’occasione per portare alla luce la tua storia personale.

L’uomo ha raccontato di aver sentito l’esigenza di scrivere tale romanzo per poter discutere su concetti come legge e giustizia, ma anche sul senso della colpa e il dover fare i conti con il passato.

LEGGI ANCHE —> La casa di carta: in arrivo il libro ufficiale della serie Netflix

Lo scrittore ha avuto quindi modo di poter esprimere la propria voce e le sue idee riguardo al nazionalsocialismo.

Si è trattato di un’esigenza mossa da dentro, ha dichiarato l’autore, una sensazione di responsabilità di raccontare una verità e vicenda difficile.

Essere cresciuto con un cognome così importante lo ha portato a doversi fare varie domande nel corso della sua vita, e non è stato per nulla facile imparare a conviverci.