Home News Gianluca Vacchi, video geniale: che cosa si è inventato questa volta?

Gianluca Vacchi, video geniale: che cosa si è inventato questa volta?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:21
CONDIVIDI

Prosegue la quarantena anche per Gianluca Vacchi. Ma che cosa si è inventato per far trascorrere il tempo? Ecco che cosa ha fatto impazzire i fan.

Gianluca Vacchi

Quarantena dorata per Gianluca Vacchi. Non può che esser descritto così come stra trascorrendo queste settimane Mr. Enjoy. Quest’ultimo è diventato famoso per un video, diventato a dir poco virale, che lo ritrae in un ballo scatenato alle Maldive, accompagnato da tre modelle a dir poco da capogiro. E da quel momento per lui è stata una continua ascesa che non si è ancora arrestata. Ma la sua ultima invenzione ha fatto a dir poco impazzire i fan. Ma che cosa è successo?

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Gianluca Vacchi, video sul jet privato: nuove polemiche in arrivo

Gianluca Vacchi, la sua ultima trovata piace ai fan

gianluca vacchi

Ed ecco che, dopo quel contributo che ha raggiunto oltre 8 milioni di visualizzazioni, a scalare la classifica dei video più cliccati è quello che ha pubblicato ultimamente sul suo profilo Instagram. Ma in che cosa consiste? In qualcosa di tanto semplice quanto, in un certo senso, geniale. L’imprenditore ha infatti deciso di mostrare al mondo intero come ha scelto e deciso di utilizzare il suo tavolo da biliardo. Un qualcosa che diventa abbastanza chiaro anche semplicemente leggendo la frase che accompagna il tutto: “Quarantine fantasy activities…missing outdoor golf.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Giorgia Gabriele, la ex fidanzata di Gianluca Vacchi sarà presto mamma

Insomma, Gianluca Vacchi ha trovato un modo a dir poco originale per giocare a mini golf in questo tempo di quarantena. E i suoi fan sembrano apprezzare questa sua nuova trovata e la sua incredibile inventiva. Ed ecco che nei commenti appare quella che è sempre stata una delle sue citazioni più celebri: “Il tempo è la risorsa principale da ricercare, perché è scarsa e non replicabile“. E questo video ne è forse la dimostrazione migliore.