Home Musica Elisa Toffoli ricorda nonna Irene: l’aneddoto è commovente

Elisa Toffoli ricorda nonna Irene: l’aneddoto è commovente

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:53
CONDIVIDI

Elisa Toffoli ha svelato un retroscena davvero curioso sulla sua infanzia, in particolar modo con sua nonna Irene: ecco l’aneddoto che fa emozionare.

elisa toffoli
Elisa Toffoli

Elisa Toffoli non ha mai dimenticato le sue origini, da dove e nata e soprattutto chi l’ha cresciuta. Un rapporto davvero stupendo l’ha sempre avuto con sua nonna Irene che le preparava sempre una minestra davvero molto speciale.

La cantante ha avuto modo di ricordare questo aneddoto davvero divertente quanto allo stesso tempo commovente durante un’iniziativa promossa da Save The Children e della quale ha voluto prendere parte.

Ecco il suo racconto in questo breve video che ha postato la cantante su Instagram: parole davvero toccanti.

TI POTREBBE INTERESSARE: Andrea Rigonat marito Elisa Toffoli chi è? Un amore tra casa e studio

Elisa Toffoli e nonna Irene: un rapporto speciale

elisa toffoli
Elisa Toffoli

Ecco il racconto della cantante che ha toccato tantissimi punti e che, soprattutto, ha svelato la ricetta “segreta” della minestra che le faceva sempre sua nonna.

“Me la cucinava la mia nonna ed è una minestra di verdure che, però, noi chiamavamo “La minestra verde” perchè era di colore molto verde e perchè l’ingrediente principale erano i piselli secchi spezzati. Quindi diventava una minestra molto dolce e molto buona per i bambini.

Mia nonna, diciamo, non faceva una cucina leggera però per non farci brontolare non ci faceva sapori fortissimi; erano, diciamo così, molto semplificati.

TI POTREBBE INTERESSARE: Elisa Toffoli avverte tutti i fan: il suo messaggio può salvarci

Questa minestra si prepara così: cipolla, sedano e carota e si fa un soffritto. Poi si aggiunge mezzo dado oppure sale o olio d’oliva, come preferite. Si mette dell’acqua e poi piselli spezzati e magari una patata. Dopo di che si lascia cuocere a lungo come tutte le minestre buone, tipo un’ora e mezza, e dopo, alla fine, a prova di bambino più allergico a tutte le verdure, la frullate.

Diventa una buonissima vellutata verde. Io mi ricordo la mia nonna Irene, che tanti fan conoscono perchè era una nonna ronck’n’roll perchè veniva ad alcuni miei concerti, la faceva buonissima!”