Home Televisione Coronavirus, giornalista Mediaset morto: il dramma dell’azienda

Coronavirus, giornalista Mediaset morto: il dramma dell’azienda

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:15
CONDIVIDI

Purtroppo il coronavirus ha mietuto un’altra vittima: stiamo parlando di Paolo Micai, giornalista Mediaset corrispondente da Genova. Il suo dramma.

coronavirus paolo micai morto
Paolo Micai, giornalista Mediaset

Paolo Micai, giornalista Mediaset e corrispondente da Genova per l’azienda di Cologno Monzese, è venuto a mancare: a dare l’annuncio è stata proprio TgCom24 che ha reso noto il decesso dell’uomo che, a soli sessant’anni, è deceduto dopo aver contratto il coronavirus.

L’uomo, che era anche un tele-cineoperatore, era nato e viveva proprio nel capoluogo ligure, era ricoverato all’ospedale San Martino della propria città: purtroppo il suo lavoro, una vera e propria passione che ha da sempre coltivato con professionalità, lo ha stroncato.

Come sappiamo, infatti, questo è una di quelle professioni che necessariamente ti manda sul campo, sempre in prima linea anche se dietro le quinte di tutto ciò che noi telespettatori vediamo in televisione.

Il Direttore di News Mediaset Andrea Pucci lo ha ricordato con parole ricche di affetto e che, necessariamente, pensano anche e soprattutto alla sua famiglia: l’intera “famiglia” professionale di Mediaset si stringe attorno al dolore di amici e familiari.

TI POTREBBE INTERESSARE: Coronavirus, figuraccia Mediaset: “Ricordati che devi morire!”

Coronavirus, Paolo Micai morto: era un giornalista Mediaset

mediaset
mediaset

Paolo Micai, giornalista Mediaset morto dopo aver contratto il Covid-19, fino all’ultimo minuto ha voluto documentare ciò che avveniva in Italia e, per farlo, ha pagato con la vita questo sforzo.

TI POTREBBE INTERESSARE: Maria De Filippi delusa: Mediaset cancella un suo programma

Il Direttore di News Mediaset lo ha ricordato come uno dei più capaci e competenti collaboratori che abbia mai conosciuto all’interno della sua esperienza nel gruppo.

Sul suo blog personale, in cui raccontava con parole ed immagini il suo piccolo-grande mondo, con uno sguardo personale su ciò che accade intorno a lui, racconta di aver sempre sognato di diventare operatore di ripresa.

Da bambino, si legge, quando aveva soltanto 12 anni i suoi genitori gli hanno regalato una piccola cinepresa e da quel momento non ha più smesso. Il Covid-19, per l’ennesima svolta, non risparmia proprio nessuno e continua a mietere vittime innocenti.