Home Serie TV Coronavirus, Daniel Dae Kim positivo: come sta l’attore di ‘Lost’?

Coronavirus, Daniel Dae Kim positivo: come sta l’attore di ‘Lost’?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:51
CONDIVIDI

Daniel Dae Kim, attore della nota serie tv ‘Lost’, è risultato positivo al Coronavirus. Ecco quali sono le sue condizioni di salute.

Daniel Dae Kim, attore di ‘Lost’ e di ‘Hawaii Five-0’, ha annunciato di esser positivo al Coronavirus. A parlarne è stato lui stesso in un post pubblicato sul suo profilo personale di Instagram. Kim in questo momento si trova alle Hawaii e ha voluto descrivere tutto il percorso e tutti i singoli passaggi che l’hanno portato a scoprire la tanto temuta diagnosi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Coronavirus, Idris Elba positivo al test: come sta l’attore di Luther?

Daniele Dae Kim positivo al Coronavirus: come sta?

Kim, in una clip postata su Instagram e Facebook, ha parlato dalla sua casa sita a Honolulu. L’attore, provando a scherzare, ha dichiarato: Voglio che sappiate che ieri sono risultato positivo al COVID-19, la malattia causata dal coronavirus“. Il 51enne ha raccontato che si trovava a New York per le riprese della serie tv ‘New Amsterdam. Una serie in cui, per ironia della sorte, si trova a interpretare il ruolo di un dottore che viene reclutato per aiutare i pazienti durante un’epidemia. Tutto il cast e tutta la troupe è comunque già stata avvisata.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Coronavirus, lutto per Piero Chiambretti: cosa è successo

Il buon Daniel Dae ha comunque fatto sapere di essersi messo in isolamento fin da subito e di aver avvisato i primi sintomi una volta atterrato proprio alle Hawaii. Ha comunque voluto tranquillizzare tutti, dicendo che le sue condizioni di salute sono al momento buone e che per lui non è una questione di vita o di morte. Poi, dopo aver ringraziato medici e tutte le persone che stanno rischiando la loro vita per combattere il Coronavirus, ha ovviamente voluto fare un appello a tutti: “Se non trattiamo la situazione con la dovuta cautela possiamo mettere in pericolo la vita di milioni di persone, inclusa quella dei nostri cari”.