Home News Coronavirus, l’appello di Tiberio Timperi: ai fan non sfugge un dettaglio

Coronavirus, l’appello di Tiberio Timperi: ai fan non sfugge un dettaglio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:48
CONDIVIDI

Appello di Tiberio Timperi ai suoi fan per il Coronavirus. Ai suoi fan e follower però non è sfuggito un particolare dettaglio. Ecco di cosa si tratta.

Tiberio Timperi accusato dal Codacons
Tiberio Timperi

Ancora appelli di vip e di personaggi televisivi. Il Coronavirus è la vera emergenza che sta bloccando il Paese. E ora ecco che molti volti noti del mondo dello spettacolo hanno deciso di metterci la faccia e di invitare i loro fan e follower a seguire le indicazioni e le direttive date dal Governo e dagli esperti. A farlo, attraverso il suo profilo Instagram, è stato anche Tiberio Timperi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Coronavirus, l’appello di Emma Marrone

Tiberio Timperi consiglia i suoi follower, ma c’è uno strano dettaglio

Tiberio Timperi accusato dal Codacons

“Consapevolezza e senso di responsabilità: sono queste le monete per ripagare la dedizione per ripagare chi in queste ore sta lavorando per tutelare la nostra salute e sta lottando contro il Coronavirus. Dobbiamo imparare che dobbiamo seguire quelle poche regole e che solo così ne verremo fuori. Smettiamo di fare i furbi, queste le parole del noto conduttore in un breve video. Immediate le reazioni e i commenti dei suoi seguaci, che hanno apprezzato il suo gesto: “Bravo Tiberio”, “Hai ragione… Non è difficile da capire”, “Sei un grande“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Coronavirus, la disperazione di Giulia Salemi: “Sono da sola”

Ma c’è stato anche chi ha notato un piccolo ma essenziale dettaglio e l’ha fatto notare al buon Tiberio: “Hai ragione però il video potevi farlo da casa“. Infatti Timperi nel suo post appare in una strada. Molto probabile che il presentatore stesse andando a lavorare, ma c’è chi non ha perso tempo per far notare questa piccolo contraddizione. Arriverà una risposta e una precisazione? Difficile dirlo e saperlo, ma ciò che è certo e che le polemiche nel mondo del web non si arrestano nemmeno durante le emergenze.