Home News Giorgio Panariello, il ricordo doloroso: “Non ho mai conosciuto mio padre”

Giorgio Panariello, il ricordo doloroso: “Non ho mai conosciuto mio padre”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:31
CONDIVIDI

Giorgio Panariello di recente ha parlato di un ricordo molto doloroso legato alla sua infanzia legato alla figura di suo padre: “Non l’ho mai conosciuto”.

Giorgio Panariello ricordo doloroso

Su Rai 1 in onda lo spettacolo di Carlo Conti, Leonardo Pieraccioni e Giorgio Panariello, dopo aver passato gli ultimi tre anni in giro per l’Italia lo show è arrivato in anteprima sul piccolo schermo.

Giorgio Panariello ricordo doloroso

Giorgio Panariello ricordo doloroso

Giorgio Panariello ha avuto un’infanzia difficile e di recente ha voluto rinvangare il doloroso ricordo legato all’assenza del padre.

L’attore e comico si è raccontato ai microfoni di Mara Venier nel corso di un’emozionante intervista a Domeni In, dove si è commosso ascoltando il monologo dedicato al padre che non ha mai conosciuto.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE-> CLAUDIA CAPELLINI FIDANZATA GIORGIO PANARIELLO: TRA DI LORO 25 ANNI DI DIFFERENZA

“Mio padre probabilmente non sa nemmeno che esisto” ha rivelato l’attore, ammettendo poi: “Da ragazzino ho sofferto tanto questa cosa. Mi prendevano in giro e mi difendevo come potevo.”

Nel monologo Giorgio si rivolgeva direttamente al padre mai conosciuto“Siamo una bella coppia io e te, io non so chi sei, e tu non sai neppure che io esisto.” Nonostante l’assenza dell’uomo a Giorgio non è mai mancato l’amore e il calore famigliare, grazie ai nonni che si sono sempre occupati di lui.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE-> GIORGIO PANARIELLO PRESO PADRE? IL PANCINO SOSPETTO

L’amore per i nonni

“La mia famiglia sono stati i miei nonni e poi i miei amici” ha ammesso Giorgio Panariello, sui nonni l’attore afferma: ” A loro devo tutto”.

“Per me, è come se una mamma e un papà coi miei nonni li avessi sempre avuti” ha affermato l’attore e comico, che ammette come i due siano riusciti a non fargli mancare nulla.

Tuttavia in merito alle prese in giro dei suoi compagni ricorda di aver spesso utilizzato la figura del padre: “Ah ma adesso il mio babbo viene, e allora ce ne sarà per tutti. Anzi, come ti chiami tu? Così glielo dico e poi vedi te.”