Home News Francesco Facchinetti furioso in auto: “Sono inc*****o nero, vergognatevi”

Francesco Facchinetti furioso in auto: “Sono inc*****o nero, vergognatevi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:40

Francesco Facchinetti è furioso e si sfoga con tutti i suoi follower su Instagram mentre è in macchina: “Sono inc*****o nero, è vergognoso.”

francesco facchinetti ig

È una vera e propria furia Francesco Facchinetti, con l’ex DJ Francesco e noto imprenditore che ha voluto postare sui social tutta la sua rabbia e delusione per quello che sta succedendo in una delle città più belle ed allo stesso tempo, purtroppo, poco protette d’Italia: Pompei.

Il noto imprenditore, nonché manager di tantissimi artisti e influencer di successo, ha infatti commentato una delle notizie più drammatiche che stanno circolando in queste ore per poi lanciare un vero e proprio attacco alla classe politica italiana rea, a suo avviso, di non proteggere né tanto meno tutelare a sufficienza questi veri e propri capolavori che rendono la nostra amata Italia quella  che è oggi.

Ecco il duro sfogo in cui non usa mezzi termini.

Francesco Facchinetti furibondo: l’accusa è gravissima

Ecco il durissimo sfogo del figlio di Roby Facchinetti che per esprimere il proprio pensiero non usa mezzi termini o altri giri di parole.

“Scusate sono inc*****o come una bestia e mi vien voglia di spaccarmi una sedia in testa. A Pompei sono tornati gli atti vandalici e i furti, cioè la gente entra dentro e ruba pezzi di una città che ha più di 2000 anni di storia. Ma è possibile che siamo in un paese che non riesce a preservare e proteggere la propria arte?! Se non fosse per i finanziamenti dei privati il Colosseo sarebbe crollato.”

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Francesco Facchinetti in vacanza, ma senza Wilma Faissol: “Dove sei?”

facchinetti furioso

Insomma,  una vera e propria furia ma non è di certo la prima volta che il noto volto  televisivo si scaglia, senza peli sulla lingua, contro tutti coloro che, dall’alto della propria posizione, avrebbero il sacro santo dovere di proteggere la nostra amata Italia che, non va dimenticato, è il paese che è una vera e propria culla ricca e florida di opere d’arte e cultura che andrebbero tutelate nel migliore dei modi nella speranza che, quando ce ne accorgeremo davvero, non sia ormai troppo tardi.