Home Streaming Casablanca, uno dei più amati film cult dell’età dell’oro di Hollywood

Casablanca, uno dei più amati film cult dell’età dell’oro di Hollywood

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:39

Tra i film più popolari e apprezzati della storia del cinema c’è da citare Casablanca. Scopriamo tutte le informazioni su questo capolavoro divenuto cult.

Casablanca
Casablanca (Youtube)

Uno dei film più importanti della storia della cinematografia mondiale è sicuramente Casablanca del 1942.

Quest’opera è stata diretta dal regista Michael Curtiz e al centro della storia troviamo protagonisti gli attori Ingrid Bergman e Humphrey Bogart.

La trama si basa su una celebre opera teatrale scritta da Murray Burnett e Joan Alison dal titolo Everybody Comes to Rick’s.

Nel corso degli anni tale opera cinematografica è riuscita a riscuotere un successo davvero incredibile rientrando addirittura tra i film più importanti e popolari dell’età dell’oro di Hollywood, divenuta cult e anche fonte di ispirazione per numerosi altri film.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Point Break: 5 curiosità che devi conoscere sul film cult degli anni ’90

Casablanca, la scheda in sintesi

  • Paese: Stati Uniti d’America
  • Anno: 1942
  • Durata: 102min
  • Regia: Michael Curtiz
  • Cast: Humphrey Bogart, Ingrid Bergman, Paul Henreid, Claude Rains, Peter Lorre

Casablanca, la trama del film

La storia è ambientata durante la Seconda Guerra Mondiale e al centro della vicenda troviamo un contrabbandiere americano, Rick Blaine, che si ritrova espatriato nella città di Casablanca, nel Marocco Occidentale. Un giorno arriva nel locale di Rick un malvivente, Guillermo Ugarte che ha con sé alcune lettere di transito che gli permetterebbero di poter lasciare Casablanca e andare negli Stati Uniti. Quest’ultimo però viene arrestato dai poliziotti e le lettere di transito rimangono nelle mani di Rick, a cui l’uomo le aveva consegnate.

Il giorno dopo arriva in città Ilsa, una profuga norvegese insieme al proprio marito Victor Laszlo. Quest’ultimo era riuscito fortunatamente a scappare da un campo di concentramento ed era ricercato dalla Gestapo. Ilsa intanto ha un conto in sospeso con Rick, in quanto i due avevano avuto una storia d’amore a Parigi durante il periodo dell’occupazione della città.

Rick non aveva accettato il fatto che la donna lo avesse lasciato senza dargli alcuna spiegazione non appena aveva scoperto che il proprio marito era ancora vivo. I due dunque arrivano a Casablanca e si ritrovano in cerca di lettere di transito che li possano aiutare a scappare dalla città e ritornare in America. Rick si ritrova quindi in preda a sentimenti conflittuali, avendo di fatto due lettere di transito che potrebbero salvare la vita della sua amata e del proprio marito.

Il cast del film Casablanca

Humphrey Bogart (Rick Blaine): Bogart è stato sicuramente uno degli attori più importanti del cinema americano che è venuto a mancare nel gennaio del 1957. Nel 1952 è riuscito ad ottenere anche un Oscar come miglior attore protagonista per il film La regina d’Africa. Per quanto riguarda la sua filmografia lo abbiamo visto recitare in Strada sbarrata, I ruggenti anni ’20, Strada maestra, Il mistero del falco, La fuga, La città è salva.

Ingrid Bergman (Ilsa Lund): Attrice svedese naturalizzata statunitense la Bergman è morta nel 1982. Diversi i riconoscimenti che è riuscita a ottenere nel corso della sua carriera, tra cui ben tre Oscar, due come migliore attrice per Angoscia e Anastasia, e come attrice non protagonista per L’assassinio sull’Orient Express. Tra gli altri premi ha ottenuto anche diversi Golden Globe, Davide di Donatello, Nastri d’argento, e BAFTA. Tra i film in cui ha recitato ci sono Notti di primavera, Intermezzo, Io ti salverò, Il peccato di Lady Considine, La paura.

Paul Henreid (Victor Laszlo): austro-ungarico naturalizzato statunitense, è morto nel marzo del 1992. Anche l’uomo ha avuto una carriera davvero straordinaria recitando in alcune pellicole davvero molto importanti tra cui Perdutamente tua, I cospiratori, Il prezzo dell’inganno, Nel Mar dei Caraibi, L’esorcista II – l’eretico.

Claude Rains (capitano Louis Renault): Anche la carriera di Rains è stata davvero straordinaria e lo ha visto recitare in film come Notorious, Mondo perduto, Lawrence d’Arabia, La Torre Bianca. L’uomo ha recitato nella serie tv Alfred Hitchcock presenta, creata dal grandissimo regista.

Peter Lorre (Guillermo Ugarte): Attore ungherese, che è stato naturalizzato poi statunitense, ha avuto modo di portare avanti una straordinaria carriera. Tra i film a cui ha preso parte ci sono stati L’uomo che sapeva troppo, Ho ucciso!, Il tesoro dall’Africa, L’uomo perduto, Arsenico e vecchi merletti. Lorre ha anche preso parte alla serie Alfred Hitchcock presenta, lavorando al fianco di Steve McQueen.

Casablanca, ecco dove è stato girato il film

A quanto pare gran parte del film è stato girato all’interno dei Warner Bros Studios a Bulbank, tra cui anche la scena finale con la partenza di Ilsa e Victor Laszlo. Un’altra famosa scena, quella in cui il maggiore Strasser arriva a Casablanca, è stata girata invece a Los Angeles al Metropolitan Airport di Van Nuys.

Casablanca, tutte le curiosità sul film

Sono diverse le curiosità che fanno parte dell’opera cinematografica Casablanca, vero e proprio cult che è rimasto nei cuori di generazioni diverse.

  • A quanto pare talmente tanta è stata la fortuna e la fama ottenuta dal film Casablanca che è rientrato addirittura nella lista fra i 100 migliori film statunitensi di sempre che è stata stilata dall’American film Institute. Inoltre anche la Writers Guild of America ha voluto aggiudicare proprio a tale opera il premio per la miglior sceneggiatura di tutti i tempi.
  • Proprio restando in tema sceneggiatura, a quanto pare nel 1982 un giornalista, Chuck Ross, decise di fare un esperimento inviando a ben 217 agenzie iscritte alla Writers Guild of America quella che fu la sceneggiatura originale del film Casablanca. Ross però decise di sostituire alcune parti della sceneggiatura partendo in primis dal titolo che cambiò con quello dell’opera teatrale a cui è ispirata la storia, e cioè Everybody Comes to Rick’s. Inoltre Ross apportò anche qualche modifica per quanto riguarda il nome dei personaggi. Il risultato fu che soltanto 33 agenzie su 85 che si impegnarono a leggere la sceneggiatura lo riconobbero. Altre quattro proposero di acquistarla, spiegando che sarebbe stato un ottimo prodotto per la televisione e tutti i restanti invece la rifiutarono dando come spiegazione il fatto che la trama fosse un po’ troppo debole.
  • Un’altra curiosità che riguarda la sceneggiatura, che fu affidata a Philip e Julius Epstein, fu il fatto che venne rimaneggiata più volte anche quando iniziarono le riprese del film. Addirittura pare che la Bergman non sapesse in corso d’opera verso quale uomo dovesse provare maggiore enfasi e amore. Pare infatti che fino all’ultimo non si fosse certi di quale sarebbe stato il finale della storia.
  • Un’altra piccola curiosità invece riguarda uno dei luoghi più famosi del film cioè il Rick’s Cafe, ovvero il locale del protagonista della storia. Pare infatti che a Casablanca è stato ricavato un locale all’interno di un cortile in cui si è voluto ricreare abbastanza fedelmente l’ambiente della celebre location del film.
  • Nonostante siano girate diverse volte voci di una possibile realizzazione di sequel o remake di Casablanca, ciò in realtà non è mai avvento. È stato nel 1943 in cui per prima per la prima volta si è parlato del sequel intitolato Brazzaville, che poi non fu realizzato. Nel 1974 invece addirittura si era pensato ad un remake da far dirigere al regista François Truffaut, ma quest’ultimo a quanto pare si rifiutò. Nel 2008 invece si è parlato di una rivisitazione moderna dell’opera, che doveva essere ambientata in Iraq, ma poi anche in questa occasione non si realizzò. Nel 2012 si discusse poi anche dell’intenzione di Cass Warner di scrivere un soggetto dal titolo Return to Casablanca che doveva essere incentrata sulla storia del figlio illegittimo di Rick e Ilsa.

La colonna sonora di Casablanca

A quanto pare la colonna sonora fu composta da Max Steiner e Dooley Wilson e tutt’ora è possibile ascoltarla su Spotify, YouTube music e Deezer.

  1. Medley: main title/prologue
  2. Medley: it had to be you – shine
  3. Knock on wood
  4. Rick and Renault – the very thoughts of you
  5. Arrival of Ilsa and Victor at Rick’s – love for sale
  6. Play it Sam… play “as time goes by”
  7. Of all the gin joints in all the towns in all the world
  8. Medley: Paris Montage
  9. Medley: at La belle Aurore
  10. Ilsa returns to Rick’s
  11. Medley (die wacht am rhein / la Marseillaise
  12. Ilsa demands the letters
  13. Rick confronts Ilsa and Laszlo
  14. Airport finale /here’s looking at you, kid

La censura in più paesi

A quanto pare Casablanca dovette scontrarsi anche con la censura. Pare infatti che nel marzo del ’43 in Irlanda l’opera fu addirittura bandita poiché pare che avesse ritratto la Francia e la Germania nazista con una visione un po’ sinistra violando di fatto l’Emergency Power Order che voleva che il paese rimanesse in tempo di guerra in stato di totale neutralità. Nel ’45 invece ci fu la revoca di questa ritiro e il film fu finalmente approvato, anche se dovette subire qualche censura e taglio specialmente riguardante la storia d’amore tra Rick e Ilsa. Anche se la donna iniziò una storia d’amore con il protagonista mentre credeva che il marito fosse morto, l’Irlanda cattolica si ritrovò contraria a questa relazione tra i due.

Nella Germania Ovest il film Casablanca invece potè uscire soltanto nel 1952 però con una versione molto censurata di addirittura 25 minuti. Furono eliminate o ridoppiate le scene che riguardavano i nazisti e tutti i riferimenti alla seconda guerra mondiale. Un dato incredibile fu anche il personaggio di Victor Laszlo, che nel film orginale era combattente della Resistenza antinazista, fu modificato in Victor Larsen. Quest’ultimo diventò semplicemente un fisico atomico norvegese evaso di prigione. Una versione originale del film fu poi proposta dopo il 1975.

Anche in Italia il film subì delle modifiche e soprattutto fu sottoposto a censura. In questo caso il nome di faccendiere Ferrari venne tramutato in Ferrac. Furono eliminate anche due scene in cui è protagonista il capitano Tonelli, un ufficiale italiano che rappresentava la sudditanza del nostro paese con l’esercito tedesco. Inoltre al posto del contrabbando di armi fatto da Rick con i ribelli etiopi durante la fase della guerra coloniale con l’Italia, nella versione censurata italiana del film ci si riferì invece a cinesi e alla seconda guerra sino giapponese.

Il parere della critica

Sicuramente nel corso degli anni Casablanca è diventato uno dei film più apprezzati anche dalla critica. Diversi sono state le considerazioni fatte e totalmente positive. Il New York Times descrisse il film come uno dei più acuti e vivaci di quell’anno. Variety invece disse che all’interno della storia, definita avvincente e dalla regia accurata, c’erano state delle ottime interpretazioni. Il Los Angeles Times nel 1992 aveva parlato di un film capace di bilanciare suspance, commedia e romanticismo. Pareri anche discordanti sono stati dati ad esempio in una recensione sul The New Yorker, che aveva definito il film discretamente passabile, e dal giornale italiano La Stampa che parlò di un’opera abbastanza convenzionale.

Ad ogni modo il film riuscì a riscuotere talmente tanto successo da ottenere anche riconoscimenti molto importanti tra cui ben 3 premi Oscar come miglior film, miglior regista e miglior sceneggiatura.

Per coloro che non vogliono perdersi altri film divenuti veri e propri cult, su Prime Video ci sono diverse opere da non lasciarsi scappare.

Influenze, omaggi e citazioni

Casablanca nel corso del tempo è riuscito a diventare una di quelle opere iconiche e ispiratrici, ecco perché anche numerosi altri film negli anni sono tra stati influenzati da tale film. Diversi sono stati infatti gli omaggi, citazioni e anche parodie ispirate ad esso. In Provaci ancora Sam del 1972, che è stato diretto da Herbert Ross ad esempio ritroviamo Woody Allen che fa buon uso dei consigli del fantasma di Rick Blaine/Humphrey Bogart per cercare di fare colpo sulle donne. Sempre in questo film vi è una scena finale in cui si vede Diane Keaton che parte con il proprio marito dall’aeroporto di San Francisco e Woody Allen che utilizza le stesse parole di addio che dette da Bogart nei confronti della Bergman in Casablanca.

Tra gli omaggi ne esiste anche uno del tutto italiano di Francesco Nuti, che utilizzò nel suo film Casablanca, Casablanca varie citazioni. Anche nel noto film Harry ti presento Sally i due attori protagonisti Meg Ryan e Billy Crystal citano Casablanca. Quest’ultimo poi è stato anche nominato in film come I soliti sospetti, La La Land, Allied un’ombra nascosta.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Missouri: il perché di un flop dal cast stellare

Frasi celebri del film

“Se tu restassi un giorno saresti presa dal rimorso. Non oggi, forse nemmeno domani, ma presto o tardi e per tutta la vita”

“Baciami, baciami come se fosse l’ultima volta”

“Colpi di cannone o è il mio cuore che batte?”

“Louis, credo che questo sia l’inizio di una bella amicizia”

“Strasser: Di che nazionalità siete?

Rick: ubriacone

Renault: Allora siete cittadino del mondo”

Casablanca, il trailer