Home Cinema Kasia Smutniak non dimentica: la sua lotta contro le ingiustizie

Kasia Smutniak non dimentica: la sua lotta contro le ingiustizie

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:28
CONDIVIDI

Kasia Smutniak ha mandato un messaggio che ha colpito tutti i suoi fan. Scopriamo cos’ha detto. Le sue parole sono dirette. 

Kasia Smutniak

Oggi, 8 marzo 2021, il giorno della festa della donna, la celebre attrice Kasia Smutniak ha lasciato sul suo profilo Instagram un messaggio che ha colpito tutti. La Smutniak è un’attrice e modella polacca naturalizzata italiana. Tra i suoi più importanti riconoscimenti, ricordiamo due candidature ai David di Donatello, per i film: Loro, diretto da Paolo Sorrentino e Allacciate le cinture di Ferzan Ozpetek. L’attrice è sposata dal 2019 con il produttore Domenico Procacci, con il quale ha dato alla luce il primogenito Leone. Ma scopriamo quali sono state le sue parole in merito a questo giorno così importante.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Domenico Procacci, marito Kasia Smutniak: una tragedia indimenticabile

Kasia Smutniak, un messaggio forte ed incisivo: cos’ha detto?

Kasia Smutniak

La Smutniak ha augurato a tutte le donne e non solo, anche a tutti gli esseri straordinari che non si vogliono categorizzare in una cerchia definita, una buona lotta. Ebbene, sì perché la vita è una sfida continua, con tutti e contro di tutti. In un giorno speciale, come l’8 marzo, la festa della donna, oggi, come ci dice l’attrice, abbiamo modo di festeggiare chi siamo, senza dimenticarci mai del passato che ci ha costruito, del presente che viviamo e di quello che ci aspetterà nel futuro.

Tutto ciò è parte di noi e compone il nostro meraviglioso puzzle della vita. Per celebrare questo giorno Kasia ha postato un’importante opera su Instagram: il quadro di Zehra Dogan, a detta sua una donna davvero speciale, un’artista, un’amica, una guerriera. Come scrive nella didascalia a corredo dell’immagine il quadro è simbolo della lotta contro l’ingiustizia. Ma non una di quelle lotte sanguinarie e atroci, bensì dolce e costante.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI >>> Kasia Smutniak: “Ho imparato ad accettare la mia malattia”

La pittrice Zehra, come ci riporta la Smutniak, era solita dipingere su tutto e con tutto, con capelli, cumino, cenere, sangue, saliva, durante gli anni di reclusione in carcere. Ebbene con questo dipinto l’attrice non poteva esprimere al meglio chi è la donna: un simbolo di perseveranza e forza, così come ha dimostrato di esserlo Zehra. Infine rivolge un inno a tutte le guerriere e i guerrieri che hanno un obiettivo in comune.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Kasia Smutniak (@lasmutniak)