Home Personaggi Giuseppe Zeno, la confessione: “È una cosa seria”

Giuseppe Zeno, la confessione: “È una cosa seria”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:26
CONDIVIDI

Giuseppe Zeno ha fatto una confessione importante sulla sua carriera. Scopriamo insieme cosa ha rivelato il noto attore. 

Giuseppe Zeno

Giuseppe Zeno questo pomeriggio sarà ospite a “Da noi… a ruota libera“, il programma condotto da Francesca Fialdini. Celebre attore italiano, il suo primo ruolo televisivo importante è quello di Alberto Fusaro, in Incantesimo 5 e 6. Segue la sua partecipazione alla soap opera di Rai 3, Un posto al sole. Da quel momento tra cinema e teatro non si è più fermato. Ultimamente l’abbiamo visto nella nota fiction “Mina Settembre” e a breve uscirà un nuovo progetto televisivo, “Luce dei tuoi occhi” con la regia di Fabrizio Costa. Ma scopriamo qual è stata la sua confessione.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI >>> Margareth Madé, chi è la moglie di Giuseppe Zeno? Figlia, film, Baaria

Giuseppe Zeno, la confessione sulla sua carriera: “Non voglio stare sulla cresta dell’onda”

Giuseppe Zeno

Dai tempi de L’onore e il rispetto l’attore è salito sulla cresta dell’onda, ma pare non volerci essere. In un’intervista rilasciata a ELLE ha confessato che preferirebbe navigare in mare aperto e basare la sua carriera sulla genuinità. Il suo successo è frutto di una lunga gavetta, l’attore ha ribadito di non aver usato nessuna scorciatoia per arrivarci prima. Proprio per questo è molto apprezzato dal pubblico.

Il ruolo che spesso vediamo affibbiato a Zeno è quello di un uomo alfa. All’intero della soap opera Il Paradiso delle Signore, interpreta il personaggio di Pietro Mori, un uomo tenebroso, inaffidabile, freddo. Ha così continuato a parlare del mestiere dell’attore e lo annovera come una cosa seria.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI >>> Giuseppe Zeno è Stefano De Angelis, Mentre ero via: Altezza, film, moglie, età, figlia

In merito al suo lavoro ha spiegato come grazie ai suoi 21 anni di gavetta ha scoperto molte cose, prima viveva tutto con spensieratezza, ora si sente più responsabile. Recitare per Zeno significa immedesimarsi in altre vite e in altri personaggi. Inoltre la capacità di ascolto degli altri e il rispetto per il prossimo sta alla base del lavoro attoriale. L’empatia e l’immedesimazione sono due elementi di fondamentale importanza per arrivare a intuire quali sono i sentimenti dei personaggi e imparare ad avere uno sguardo di pietas nei loro riguardi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giuseppe Zeno (@giuseppezeno)