Home Cinema Paola Cortellesi è malata: “Ecco quando ne soffro”

Paola Cortellesi è malata: “Ecco quando ne soffro”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:44
CONDIVIDI

Paola Cortellesi ha svelato al suo pubblico un evento molto delicato della sua vita privata. Una malattia che sembra non lasciarla libera. 

Paola Cortellesi

Paola Cortellesi questa sera in prima serata sarà protagonista del film “Come un gatto in tangenziale“, in onda su Canale 5. La pellicola, diretta da Riccardo Milani, vede nel cast, accanto alla figura della Cortellesi, altri attori di notevole fama, tra cui: Antonio Albanese, Claudio Amendola, Sonia Bergamasco, Luca Angeletti, Alice Maselli e Simone De Bianchi. Una divertente commedia in cui la Cortellesi indossa i panni di Monica, ex cassiera, ragazza di periferia. Una serie di eventi porteranno allo stravolgimento della vita della protagonista. Ma scopriamo la confessione che ci ha svelato la nota attrice.

LEGGI ANCHE —> Riccardo Milani marito Paola Cortellesi: problemi sul lavoro per i due?

Paola Cortellesi, esce allo scoperto: “Ecco di cosa soffro”

Paola Cortellesi
Paola Cortellesi

La Cortellesi ha confessato quella malattia che si porta dietro da quando è piccina. A causa di una repentina crescita il suo corpo ha assunto una posizione sbagliata, portando l’attrice a soffrire di gravi mal di schiena. Il dottore le diagnosticò la scoliosi. Come ha raccontato la sua colonna vertebrale aveva una deviazione laterale, una deformazione importante. Inoltre da ulteriori analisi è stato evinto che avesse pure un’ipercifosi dorsale accompagnata da iperlordosi lombare. Per risolvere questo problema si è iscritta a ginnastica posturale e nuoto. Nonostante non amasse questi sport, con il tempo, però, ha cambiato opinione.

LEGGI ANCHE —> Paola Cortellesi, un passato che in pochi conoscono: aveva 13 anni

Oggi la schiena dell’attrice è rinata. Infatti grazie al grande aiuto che il pilates e la ginnastica posturale le hanno dato oggi non vive dolorante. Però purtroppo il mal di schiena non la lascia vivere in pace, infatti sbuca sempre nei periodi di maggiore stress.