Home Personaggi Diego Abatantuono, quel matrimonio segreto

Diego Abatantuono, quel matrimonio segreto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:20
CONDIVIDI

Diego Abatantuono, celebre attore italiano, si è sposato da poco con una cerimonia segreta. Ma scopriamo i dettagli. 

Diego Abatantuono

Diego Abatantuono è stato ieri  sera in seconda serata sarà protagonista del film “I mostri oggi“, regia di Enrico Oldoini. Il cast della pellicola è gremito di attori importanti italiani, tra cui: Sabrina Ferilli, Claudio Bisio, Carlo Buccirosso, Angela Finocchiaro, Giorgio Panariello e Anna Foglietta. Una commedia divertente che ti travolgerà con la sua forza comica. Ma addentriamoci nella vita privata di Abatantuono.

LEGGI ANCHE —> Diego Abatantuono, quella dedica che ha commosso tutti

Diego Abatantuono, matrimonio segreto: svelati i dettagli

diego abatantuono
D. Abatantuono (Getty Images)

Abatantuono è uno tra gli attori più amati del cinema italiano. Ebbene, di recente ci ha sorpreso con una notizia davvero bella. Giulia Begnotti, è la compagna dell’attore con cui ha avuto due figli Marco di 25 anni e Matteo di 23. Diego, inoltre ha anche un’altra figlia avuta dal precedente matrimonio con la scenografa Rita Rabassini. L’attore ha rivelato uno scoop davvero inaspettato. Abatantuono è convolato a nozze con la sua attuale compagna. Un matrimonio tenuto segreto a tutti. Nonostante l’attore ha dichiarato che il 2020 è stato un anno molto difficile per lui, tantissime belle novità sono sorte.

LEGGI ANCHE —> Diego Abatantuono, è morta: nel film la sua vita verrà stravolta

Infatti nel 2020 è stato concepito suo nipote, questa notizia ha donato una grande gioia ad Abatantuono, il quale diventerà nonno per la terza volta. Tantissime sorprese ci ha regalato il celebre volto del cinema. La sua vita sembra aver raggiunto un bellissimo equilibrio ed armonia. Una famiglia davvero numerosa lo accerchia e nonostante il suo rapporto sia finito con la sua ex moglie, tra di loro c’è stima reciproca, anche con Gabriele Salvatores, attuale compagno di Rita Rabassini.