Home Personaggi Andrea Piazzolla ex manager Gina Lollobrigida, l’ha ingannata?

Andrea Piazzolla ex manager Gina Lollobrigida, l’ha ingannata?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:10
CONDIVIDI

Andrea Piazzolla ex manager Gina Lollobrigida: ma l’uomo ha davvero ingannato l’attrice? Ecco la storia nei dettagli.

gina lollobrigida e andrea piazzolla

Gina Lollobrigida sarà tra i protagonisti della puntata odierna di ‘Domenica In’. L’attrice ha senza alcun dubbio fatto la storia del cinema con i suoi ruoli e i suoi film, ma anche con la sua personalità. E quest’ultima ovviamente si è fatta sentire anche nella sua vita privata. Al di là delle sue avventure sentimentali, c’è una vicenda che non può non attirare l’attenzione. Il riferimento è al suo ex manager Andrea Piazzolla. Una storia che ha addirittura avuto dei risvolti legali. Ma che cosa è successo?

LEGGI ANCHE >>> Gina Lollobrigida, sapete cosa ha scritto sulla lettera di partecipazione a Miss Italia?

Andrea Piazzolla ex manager Gina Lollobrigida, c’è stato un inganno?

Gina Lollobrigida
Gina Lollobrigida (Fonte: Getty images)

L’uomo è infatti finito a dir poco nei guai: rinviato a giudizio per circonvenzione d’ incapace. D’altronde per lei lui era un sorta di vero e proprio factotum. L’accusa però è davvero di quelle pesanti: aver abusato della fragilità di un’anziana per intestarsi il suo patrimonio. Lui però si è sempre difeso, dicendosi sereno e tranquillo. Una sua intervista, rilasciata ai microfoni de ‘Il Corriere della Sera’, è la sua versione dei fatti più importante.

LEGGI ANCHE >>> Andrea Skofic, figlio di Gina Lollobrigida: rapporti tesi e vicende legali

Io ho agito per amore di lei. Tra l’altro va detto che, a differenza di come si dice, Gina non è affatto suggestionabile. Per esempio, qualche anno fa Christian De Sica ha tentato di coinvolgerla nel film ‘Poveri ma ricchi’. Per lei aveva previsto una parte anche per me. Non c’ è stato modo di convincerla a recitare in quella produzione e, per inciso, ha avuto ragione, perché non è stato certo un successo. Ripeto, io mi sono messo al suo servizio, perché è una persona speciale“, questa la sua difesa accorata. Ora non resta che attendere.