Home Storie Nino Frassica, quel fratello che non ha mai conosciuto: una storia triste

Nino Frassica, quel fratello che non ha mai conosciuto: una storia triste

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:55
CONDIVIDI

Nino Frassica ci racconta la storia di suo fratellastro, conosciuto tanti anni dopo e quel dramma legato al padre. Scopriamolo.

Nino Frassica

Nino Frassica questa sera in prima serata su Canale 5 sarà protagonista della miniserie, I Fratelli Caputo, diretta da Alessio Inturri. Nino in questa avventura è affiancato dal celebre attore Cesare Bocci. Un miniserie basata sugli odi e gli amori di questi due fratellastri che non si sono mai conosciuti ed ora si contendono la poltrona di sindaco a Roccatella. Una commedia che sta riscontrando un grande successo di pubblico.

LEGGI ANCHE —> Nino Frassica, ambulanza sul set: “Rischiò di morire”

Nino Frassica, “I fratelli Caputo”: la storia della miniserie

Nino Frassica
N. Frassica

Frassica e Bocci sono rispettivamente, Nino e Alberto Caputo, due fratellastri che si incontrano per la prima volta a cinquant’anni. I due sono entrambi figli di Calogero Caputo, Sindaco di Roccatella. I due fratelli hanno avuto un presenza diversa del padre. Infatti se Nino ha vissuto senza un padre, in quanto Calogero trovato l’amore a Milano si è trasferito lì senza mettere più piede in Sicilia, e dunque ha vissuto con un vuoto incolmabile che neanche la madre è riuscita mai a riempire. Dall’altra parte, invece, Alberto ha avuto un padre, una famiglia felice, una formazione universitaria, tutto ciò che è stato negato a Nino.

LEGGI ANCHE —> Nino Frassica quel colpo di fulmine che l’ha stregato

Dopo tantissimi anni si incontrano per fronteggiarsi sulla poltrona di sindaco di Roccatella. L’ambientazione, se nella trama si parla dell’immaginaria cittadina di Roccatella in Sicilia, le riprese in realtà sono state fatte in numerose località pugliesi tra cui Nardò, Ostuni, Lecce, Brindisi, Santa Maria al Bagno e Santa Caterina. Una miniserie da vedere che ti aiuterà a farti ritrovare quel sorriso perso da tempo.