Home Televisione Enrico Brignano che errore in diretta, travolto prova a salvarsi

Enrico Brignano che errore in diretta, travolto prova a salvarsi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:18
CONDIVIDI

Enrico Brignano è protagonista su Rai Uno di ‘Affari Tuoi Viva gli sposi’. Ma ecco che una sua gaffe non passa per nulla inosservata.

Enrico Brignano

‘Affari tuoi Viva gli sposi’ è il nuovo programma che farà compagnia ai telespettatori il sabato sera. A condurre c’è Carlo Conti, tornato quindi sul piccolo schermo con questo nuovo format che comunque si legata a una trasmissione passata che aveva ottenuto un grande successo su Rai Uno. Tra i protagonista di questa prima puntata c’è Enrico Brignano. Ma che cosa ha fatto il romano? C’è qualcosa che non è sfuggito ai più attenti. Ecco di che cosa si tratta.

LEGGI ANCHE -> Enrico Brignano allarga la famiglia? Dopo il dolore, una nuova vita

Enrico Brignano, scivolone in diretta: ecco che cosa è successo

Enrico Brignano

Visto che, come si intuisce fin troppo bene dal titolo e dal nome, si parla di sposi in pectore e da amore, il comico è accompagnato dalla sua compagna Flora Canto. L’artista capitolino ha voluto intrattenere come una bellissimo e divertente monologo dedicato ai sentimenti. Ma ecco che una sua frase può essere definita un vero e proprio scivolone. Ma che cosa ha detto?

LEGGI ANCHE -> Enrico Brignano torna all’attacco? “E’ un po’ borderline”

Le vecchie, no ops le signore anziane. Se no qui scoppia l’interrogazione parlamentare…“, questo quanto detto dal buon Enrico. Il tutto è stato ovviamente detto con ironia e in tono scherzoso. Pare però che Brignano abbia voluto fare un passo indietro e correggersi immediatamente per evitare magari qualche critica e qualche problema particolare per questa sua espressione. Il suo monologo è andato avanti e scivolato via senza particolari problemi. D’altronde si può dire, utilizzando una frase fin troppo nota in ambito televisivo, che questo è il bello del diretta.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Enrico Brignano (@enricobrignano)