Home News Calciatore famosissimo muore ad appena 37 anni, tragedia a Natale

Calciatore famosissimo muore ad appena 37 anni, tragedia a Natale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:29
CONDIVIDI

Grande tragedia nel mondo del calcio, che ora è in lutto. Muore a 37 anni calciatore diventato famoso grazie a un videogioco.

lutto calcio

Vera e propria tragedia nel mondo del calcio proprio nel giorno di Natale. Infatti è scomparso, a soli 37 anni, Maxim Tsigalko, ex calciatore bielorusso. A comunicarlo è stato, attraverso un breve ma commosso tweet, la Dinamo Minsk, uno dei club più importanti del Paese, dove l’ex calciatore aveva giocato, disputando 65 partite e realizzando 28 partite. Il motivo per cui è diventato celebre però è un altro. Ma di che cosa si tratta?

LEGGI ANCHE -> Lutto nel mondo del calcio, un terribile incidente mortale

Calcio in lutto, morto star di un videogioco: aveva solo 37 anni

musica in lutto
Lutto (Fonte: Pixabay)

Va detto infatti che in Italia il suo nome era diventato celebre soprattutto grazie al gioco manageriale Championship Manager, la vecchia versione di quello che oggi è conosciuto con il nome di Football Manager. Infatti il poverto Tsigalko, della stagione 2001/02, era uno dei talenti più forti e più importanti. Insomma, si sta parlando quindi di un calciatore prevalentemente sconosciuto ai più, ma che ha raggiunto una grande notorietà soprattutto nel mondo virtuale e del web grazie a un videogame. Ma cos’altro si sa su di lui?

LEGGI ANCHE -> Grave lutto nel mondo del calcio, Nainggolan dolore inaccettabile

Del bielorusso si può di re che si era ritirato dal calcio a soltanto 26 anni. Il tutto era stato causato e motivato da un grave problema all’anca. Maksim Tsygalko, al di là che nel mondo di Championship Manager, dove, come detto, era considerato uno dei bomber di maggior talento, non ha lasciato particolare traccia di sé a livello sport. Nella sua carriera, oltre alla già citata Dinamo Minsk, ha indossato le maglie di Naftan, Kaysar, Banants e Savit. Insomma, dopo il racconto di Gattuso sulla sua malattia, un’altra triste notizia per il mondo del calcio.